“Marmoreo. Cortometraggio” un progetto di Federico Baracchi e Giovanni Taurasi

MARMOREONell’ultimo anno, come avrete visto dal blog, ho pubblicato un altro libro, realizzato un’altra mostra, promosso un nuovo progetto itinerante denominato histyory telling Dalla notte all’alba della democrazia, scritto e interpretato lo spettacolo teatrale “Una storia sbagliata”. Tutto ciò insieme a vecchi e nuovi amici e amiche e con l’obiettivo di raccontare la storia contemporanea e quella locale con modalità e linguaggi nuovi. A volte, nella vita, è necessario reinventarsi e riscoprire le proprie competenze (adesso lo chiamano portfolio), rimetterle in gioco in modo diverso e cercare partner e collaboratori con altre esperienze, perché dalla sperimentazione e dalla cooperazione tra più persone, con altre competenze e altri talenti, nasce sempre qualcosa di arricchente per tutti.
1+1 fa 2 solo in matematica. Nella vita 1+1 fa almeno 3. Non so se lo abbia già detto qualcun altro. Forse è banale. Ma è ciò che penso dopo quest’anno di sperimentazione.
C’era però qualcosa che mi mancava. Continua a leggere

Pubblicato in / | Lascia un commento

“La Costituzione più bella del mondo” di Giovanni Taurasi

siLe riforme costituzionali sono fondamentali per rilanciare l’Italia. In primo luogo perché dimostrerebbero al mondo che le cose si possono cambiare pure nel Paese de Il Gattopardo e che non siamo un Paese non riformabile. E poi per tanti altri motivi che non spiegherò qui ed ora (ma che basterebbe rileggersi un po’ di Calamandrei e del dibattito costituente del tempo per capirle). Tra l’altro coloro che sostengono le ragioni dell’intangibilità della Carta sono gli stessi che per una vita hanno sostenuto che non era applicata e che era stata tradita.

Continua a leggere

Pubblicato in / | Lascia un commento

25 aprile: l’history telling Dalla notte all’alba della democrazia fa tappa all’ex Campo di concentramento di Fossoli

LOCANDINA-FOSSOLI.jpgDalla notte all’alba della democrazia è un progetto di history telling musicale nel quale uno storico (Giovanni Taurasi) e due musicisti (Francesco Grillenzoni e Stefano Garuti, voce, chitarra e fisarmonica del gruppo di combat folk Tupamaros) ripercorrono il triennio tra l’8 settembre 1943 e il 2 giugno 1946, in una narrazione che si muove tra storia, memoria, testimonianze, immagini e musica, e tra la dimensione locale della provincia di Modena e la dimensione nazionale, nel periodo più cruciale della storia d’Italia.
Il percorso è accompagnato da brani musicali della tradizione popolare e contemporanei, arrangiamenti arditi e versioni dialettali inedite, che si intrecciano con il racconto orale.
L’history telling approfondisce le vicende locali e ogni volta propone riflessioni diverse in relazione al luogo nel quale viene messo in scena.

Ingresso libero e gratuito

https://www.facebook.com/events/242237922794219/

Pubblicato in /

“Baciamo le mani” di Giovanni Taurasi

VespadonVitoNon ho guardato Porta a Porta perciò non posso commentare. Però mi ha sempre scandalizzato il fatto che in studio la Rai abbia sempre permesso ci fosse Bruno Vespa. Tra l’altro pagandolo pure. Si vede che in Italia è possibile abolire il Senato ma la terza Camera dello Stato non la può toccare nessuno. A parte le battute, fino ad un certo punto, per me il problema non è se un mafioso o il figlio di un mafioso parlano in TV. Anzi, se questo può servire a far capire cos’è la mafia e a promuovere cultura della legalità può perfino essere positivo. Continua a leggere

Pubblicato in / | Contrassegnato ,

“Sul PD, sulle ipotesi di scissione, sulla politica” di Giovanni Taurasi

Logo_del_PDSeguo sempre più distrattamente le cose politiche e del PD. Come tanti. Tempo fa ho deciso di dedicarmi ad altre forme di politica, perché, come dissi in occasione delle mie dimissioni da Presidente dell’Assemblea e della Direzione provinciale del PD modenese, si può fare politica anche promuovendo valori, azioni e crescita civile e culturale in altri modi e forme. Non solo con riunioni di partito e nei partiti. Fuori dalle stanze di partito ci sono milioni di persone che lo fanno tutti i giorni (nel volontariato, nelle professioni, nel lavoro, nelle organizzazioni) e che andrebbero intercettate dalla politica. E devo dire che sto ricevendo molte più soddisfazioni in questo percorso, che per me resta tutto politico, perché mi occupo anche così della polis. Ma questi fantomatici venti di scissione nel PD mi hanno spinto a cercare di capire cosa stia succedendo. Perché resta il mio partito. Il partito a cui ho dedicato metà della mia vita di passione politica e militanza. Continua a leggere

Pubblicato in / | 1 commento

“Peggio di Caligola” di Giovanni Taurasi

caligolaNon si sa se sia vero che Caligola volesse nominare Senatore il suo cavallo. Ne parla Svetonio, anche se in termini diversi. Però sappiamo con certezza che Beppe Grillo ha nominato Senatore un asino, almeno uno, istituzionalmente parlando. Si tratta del Senatore Alberto Airola, quello dei messaggini, che in Senato ha concluso il suo zoppicante intervento sulle unioni civili pronunciando un ‘memorabile’ “Andate affanculo” (Ipse dixit). Che finché lo scrivo io qui è un conto, ma che se lo pronuncia un parlamentare nell’aula del Senato è un affronto a tutti gli italiani (anche quelli che hanno votato il Movimento 5 stelle). E che meriterebbe l’espulsione a vita da ogni aula parlamentare. Come a scuola. Dunque asino istituzionale è dir poco.
Continua a leggere

Pubblicato in / | 1 commento

“Una storia sbagliata”, il mio primo, unico e probabilmente ultimo spettacolo teatrale

Care amiche e cari amici del blog,

da un anno a questa parte sto recuperando alcune delle mie ricerche (pubblicate precedentemente in saggi, volumi o mostre) mettendole a servizio di un nuovo progetto culturale che sto conducendo con amici musicisti. Da questo progetto è nato l’history telling “Dalla notte all’alba della democrazia”, che attraverso parole, immagini e musica racconta la storia della provincia di Modena tra l’8 settembre 1943 e il 2 giugno 1946. Gli amici del blog già lo conoscono e il progetto continua il suo itinerario (vi informerò delle date di marzo, aprile e giugno prossimamente). Ma con questo post voglio informarvi di una nuova e diversa iniziativa. Ho deciso di un fare un passo avanti, perché amo la contaminazione tra linguaggi e forme artistiche ed espressive, ed ho realizzato così il mio primo spettacolo teatrale. Oltre ai musicisti Stefano Garuti e Francesco Grillenzoni (con i quali ho creato l’history telling Dalla notte all’alba della democrazia), mi accompagneranno in questo nuovo progetto le attrici Elisa Lolli e Maria Giuglia Campioli. Andremo in scena l’8 marzo 2016 presso il Teatro comunale di Carpi. Nel manifesto tutte le informazioni per chi vuole contattare la biglietteria e partecipare all’evento. E qui con altre informazioni l’evento facebook https://www.facebook.com/events/149750275408114/

Spettacolo unico.

In tutti i sensi.

MANIFESTO-def

Pubblicato in /