Si torna a raccontare, suonare e cantare storie di Resistenza “Dalla notte all’alba della democrazia”. Giovedì 19 luglio ore 21 festa dell’unità di Castelnuovo e Montale Rangone (MO). Ingresso libero.

Si torna a raccontare, suonare e cantare storie di Resistenza, guerra e Costituzione con gli historytellers Francesco Grillenzoni e Stefano Garuti , con la speciale partecipazione di Elisa Lolli insieme all’Istituto Storico Di Modena. Giovedì 19 luglio alle 21 alla festa del PD Castelnuovo. Ingresso libero.LOCANDINA-CASTELNUOVO

Annunci
Pubblicato in / | 1 commento

Donne che storia. L’ora delle cittadine in scena al Teatro San Carlo di Modena lunedì 4 giugno alle 21,

Cosa ci fanno su un palco due attrici, due musicisti, una poetessa dialettale, uno storico e un misterioso orologio da tasca di un secolo fa? È uno spettacolo teatrale? DonnechestorialocandinaÈ un reading? È una conferenza? È un concerto? In realtà è un po’ tutte queste cose messe insieme e la performance andrà in scena lunedì 4 giugno alle ore 21 al Teatro San Carlo. Si intitola “Donne che storia. L’ora delle cittadine” ed è scritta e raccontata da Giovanni Taurasi, interpretata e recitata da Elisa Lolli e Maria Giulia Campioli, cantata e suonata da Francesco Grillenzoni e Stefano Garuti (del gruppo musicale Tupamaros), con la partecipazione della poetessa dialettale Iolanda Battini e grazie alle ricerche di Natascia Corsini del CDD e dello stesso Taurasi dell’Istituto storico di Modena. Si tratta di un history telling sul protagonismo femminile nel Novecento modenese che riscopre una storia di genere grazie ad un antico orologio. Continua a leggere

Pubblicato in /

‘Una valigia di sogni’, venerdì 11 maggio ore 21, Palazzo Ducale di Lucca per il Festival italiano del volontariato. Da non perdere!

Avete preparato la vostra Valigia di sogni per un nuovo viaggio?
“Mettetevi Scomodi” (come recita il titolo di quest’anno del Festival italiano del Volontariato), venerdì nell’ambito del Festival di Lucca torna in scena ‘Una valigia di sogni’.
Attraverso un percorso storico-letterario si intrecciano parole, emozioni, statistiche, testimonianze e canzoni per raccontare in quattro tappe il tema della migrazione: per ricordare quando i migranti eravamo noi e per andare oltre le fake news sull’invasione di oggi e provare a capire come l’emigrazione generi problemi ma crei anche grandi opportunità per il nostro Paese. Ingresso libero.

Pubblicato in /

Torna ‘Una valigia di sogni’. 14 aprile, Carpi, Auditorium San Rocco, ore 21

Nell’ambito del trentennale di Porta Aperta va in scena ‘Una valigia di sogni’.
Attraverso un percorso storico-letterario si intrecciano parole, emozioni, statistiche, testimonianze e canzoni per raccontare in quattro tappe il tema della migrazione: per ricordare quando i migranti eravamo noi e per andare oltre le fake news sull’invasione di oggi e provare a capire come l’emigrazione generi problemi ma crei anche grandi opportunità per il nostro Paese. Ingresso libero.Unavaligia disogni

Pubblicato in /

Recital e altro ancora. Una valigia di sogni. Per parlare di migranti, di oggi, di ieri, di noi.

Immagine | Pubblicato il di

Assemblea nazionale Pd – Intervento di Giovanni Taurasi

“Due non è il doppio ma il contrario di uno, della sua solitudine. Due è alleanza, filo doppio che non è spezzato”. Con assemblea-nazionale19febbraiola tesi di Erri De Luca e l’opinione del compagno Zeta ho provato a spiegare in Assemblea Nazionale perchè non bisogna spezzare quel filo, sempre più esile, che ci tiene insieme nel Partito Democratico. Qui il mio intervento.

Assemblea nazionale Pd – Intervento di Giovanni Taurasi

Pubblicato in / | 1 commento

Sì, voto. E voto Sì.

siInterrompo il mio lungo silenzio sul blog per dire che sono tanti i motivi che mi spingono a votare sì al referendum del 4 dicembre (e molti li trovate cliccando qui). Ma ne vorrei ricordare uno in particolare, con un esempio concreto. Più di un anno fa la Camera ha approvato la riforma della cittadinanza. La legge prevede che i bambini nati in Italia diventino italiani per nascita se almeno uno dei genitori ha il permesso UE per soggiornanti di lungo periodo. Per me è una legge di civiltà, che mi piace. Molto. Naturalmente può anche non piacere. Ma a me piace.
Però… C’è un però. Continua a leggere

Pubblicato in / | 3 commenti