“L’inverno del nostro scontento” di Giovanni Taurasi

pala

Cittadino 1: “Sono passati con le macchine spargisale inutilmente e per due fiocchi che verranno giù ci rovinano la carrozzeria. E con tutto quel sale sperperano soldi pubblici”
Cittadino 2: “Perché non sono passati con le macchine spargisale? Con tutte le tasse che paghiamo, sprecano soldi e non li usano come dovrebbero”

Cittadino 1: “E basta con tutto questo allarmismo sulla grande nevicata!”
Cittadino 2: “Ma perché non ci hanno avvertito di questa nevicata?”

Cittadino 1: “Le Province vanno abolite del tutto.”
Cittadino 2: “Dove sono quelli della Provincia per pulire le strade.”

Cittadino 1: “Cosa aspettano gli spazzaneve a passare per la mia via?”
Cittadino 2: “Ma cosa combinano questi spazzaneve: avevo appena pulito l’ingresso del mio cortile e lo hanno riempito di neve?”

Cittadino 1: “Ma perché non ci danno informazioni su Facebook?”
Cittadino 2: “Ma perché invece di cazzeggiare su Facebook non scendono in strada a spalare?”

Cittadino 1: “Ma perché non chiudono le scuole?”
Cittadino 2: “Ma perché tengono aperte le scuole?”

Cittadino 1: “Perché diavolo non hanno chiuso le autostrade? Adesso è tutto bloccato”
Cittadino 2: “Perché diavolo hanno chiuso le autostrade? Adesso è tutto bloccato”

A cittadino 1 e cittadino 2 dedico una splendida poesia di Giuseppe Ungaretti su questo Paese sotto la neve:

Vorrei imitare
questo paese
adagiato
nel suo camice
di neve.

Informazioni su QuintoStato

Giovanni Taurasi vive a Carpi (MO). Fa parte dell'Assemblea Nazionale del PD eletta l'8 dicembre 2013. Laureato in Storia contemporanea a Bologna, ha conseguito nel 2002 il dottorato di ricerca presso l’Università di Pavia e svolto attività di ricerca per l'Univerità di Modena e Reggio Emilia ed enti pubblici e privati. All’attivo ha una trentina di pubblicazioni, tra cui cinque volumi monografici sulla storia del '900, curatele di volumi, mostre, saggi e articoli su riviste di storia. Dipendente della Regione Emilia-Romagna.
Questa voce è stata pubblicata in / e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.