Fatti, non selfie.

gioconda-selfieDa oggi si riprende a lavorare. Non tutti purtroppo, perché il lavoro è merce ancora rara e il dramma di chi il lavoro non ce l’ha più e di chi non ce l’ha ancora deve essere in cima alle nostre preoccupazioni. Tra i non tanti che ricominciano, alcuni iniziano con incognite, altri, i più fortunati, con maggiori certezze.
Credo però che tutti si aspettino da questo nuovo anno fatti concreti, per ritrovare fiducia nello Stato, in questo tempo, nel futuro di questo Paese, e a volte anche in se stessi, perché il Paese, in fin dei conti, siamo noi.
È tempo di fatti, non di parole, proclami, tweet, slogan o promesse. Vale anche, e soprattutto, per la politica.
Fatti, non selfie. Che poi si dice che i selfie, se si esagera, fanno diventare ciechi… anche se non si usa il flash.
Buone cose.
GT

Informazioni su QuintoStato

Giovanni Taurasi vive a Carpi (MO). Fa parte dell'Assemblea Nazionale del PD eletta l'8 dicembre 2013. Laureato in Storia contemporanea a Bologna, ha conseguito nel 2002 il dottorato di ricerca presso l’Università di Pavia e svolto attività di ricerca per l'Univerità di Modena e Reggio Emilia ed enti pubblici e privati. All’attivo ha una trentina di pubblicazioni, tra cui cinque volumi monografici sulla storia del '900, curatele di volumi, mostre, saggi e articoli su riviste di storia. Dipendente della Regione Emilia-Romagna.
Questa voce è stata pubblicata in / e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Fatti, non selfie.

  1. andrea ha detto:

    come sempre condivido in toto! che ne pensi della storia del 3% di evasione fiscale “consentita”?

    Mi piace

    • QuintoStato ha detto:

      Delle due l’una: o un atto che dimostra una certa superficialità, o un atto che nasconde una certa malizia. In entrambi i casi non posso che pensarne male. Ahime’.

      Mi piace

I commenti sono chiusi.