“Benaltrismo” di Giovanni Taurasi

imagesUn Partito a vocazione maggioritaria? No, ci vuole ben altro, così perdiamo la nostra identità.
Bonus bebè alle madri? No, ci vuole ben altro, servono più asili.
Stop ai contratti precari e a tempo determinato? No, ci vuole ben altro, vogliamo l’articolo 18.
Diritti alle coppie gay e lesbiche? No, ci vuole ben altro, così discriminiamo le coppie etero e poi non è prevista l’adozione.
Bonus fiscale di 80€ ai redditi bassi? No, ci vuole ben altro, così penalizziamo le giovani partite IVA.
Allora 800 milioni € della legge di stabilità per le Partite Iva? No, ci vuole ben altro, vale solo per certe fasce.
Riduzione drastica dell’IRAP? No, ci vuole ben altro. Il costo del lavoro va ridotto diversamente e il problema per le imprese è la burocrazia.
Allora riduzione della burocrazia e snellimento della pubblica amministrazione? No, ci vuole ben altro. Così si perde il controllo della legalità.
Benaltrismo. Parafrasando Nanni Moretti, ce lo meritiamo Alberto Sordi… e anche Silvio Berlusconi, Beppe Grillo e compagnia cantante.

Informazioni su QuintoStato

Giovanni Taurasi vive a Carpi (MO). Fa parte dell'Assemblea Nazionale del PD eletta l'8 dicembre 2013. Laureato in Storia contemporanea a Bologna, ha conseguito nel 2002 il dottorato di ricerca presso l’Università di Pavia e svolto attività di ricerca per l'Univerità di Modena e Reggio Emilia ed enti pubblici e privati. All’attivo ha una trentina di pubblicazioni, tra cui cinque volumi monografici sulla storia del '900, curatele di volumi, mostre, saggi e articoli su riviste di storia. Dipendente della Regione Emilia-Romagna.
Questa voce è stata pubblicata in / e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a “Benaltrismo” di Giovanni Taurasi

  1. andrea ha detto:

    GRANDE!!!
    Il benaltrismo è da sempre (ho 63 anni) la malattia incurabile della Sinistra.

    Mi piace

  2. Chiara Salvini ha detto:

    caro Giovanni sapevo che potevo fidarmi di te! Mi hai scritto: “Sono di Renzi, ma prima la democrazia”.–Leggendoti oggi mi pare che prima di tutto sei per la verità /che percepisci dopo ricerca/ per la tua coscienza! La democrazia è implicita e splendete in tutto questo. Grazie caro Giovanni. Come sai, pubblico spesso (in questo periodo meno, sono un po’ malata ecc.) i tuoi post sul mio blog (chiara sal,vin ecc.)–Spero ti aggradi–Sono arrivati molti visitatori—chissà chissà, dice la vecchia canzone.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.