Se una notte d’inverno uno come me si mette a scrivere un racconto

imagesSe una notte d’inverno uno come me si mette a scrivere prende corpo probabilmente un racconto mediocre, e non certamente l’opera straordinaria di Italo Calvino. Tuttavia l’ho fatto, qualche mese fa, per partecipare per la prima volta ad un concorso letterario che si chiamava RaccontaCarpi, la mia città. Il concorso era promosso dalla Libreria Fenice.
Alberto PIo Ne è venuta fuori questa storia, “I busti”, che è stata selezionata tra i racconti pubblicabili ed edita nel volume omonimo “RaccontaCarpi”, Nuovagrafica edizioni APM, 2014.
Parla in qualche modo della mia città, del suo passato, del suo futuro, dei suoi vizi e delle sue virtù in questo delicato momento di passaggio per lei, per noi, per il nostro Paese intero.
Superando un po’ di timidezza (perché ho scritto tanti saggi di storia, ma mai un racconto, e un conto è consegnarlo alle stampe, un altro metterlo su un blog personale e offrirlo al tritacarne del web), ho pensato di metterlo a disposizione degli amici del blog Quinto Stato. Spero vi faccia piacere.
Buone cose
Giovanni

PS Ringrazio l’archivio storico del Comune di Carpi per le immagini.


Bernardino RamazziniRaccontoperFenice

Informazioni su QuintoStato

Giovanni Taurasi vive a Carpi (MO). Fa parte dell'Assemblea Nazionale del PD eletta l'8 dicembre 2013. Laureato in Storia contemporanea a Bologna, ha conseguito nel 2002 il dottorato di ricerca presso l’Università di Pavia e svolto attività di ricerca per l'Univerità di Modena e Reggio Emilia ed enti pubblici e privati. All’attivo ha una trentina di pubblicazioni, tra cui cinque volumi monografici sulla storia del '900, curatele di volumi, mostre, saggi e articoli su riviste di storia. Dipendente della Regione Emilia-Romagna.
Questa voce è stata pubblicata in / e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.