“Una critica bizzarra” di Giovanni Taurasi

Trovo bizzarra una critica alla candidatura di Renzi alla guida del PD. Beninteso, sostenendolo sono consapevole che (come gli altri candidati) anche Renzi presenta dei limiti. Renzi, Cuperlo, Civati, Pittella, Barca sono ottimi dirigenti, ma ciò non implica che si condivida il 100% di ciò che affermano. Sostenere un candidato non vuol dire trasformarlo in un idolo. Ma tra le accuse che si muovono a Renzi ce n’è una che francamente è paradossale.
Ovvero che faccia il segretario per fare il premier. Può darsi che Renzi punti a fare il segretario del PD per fare successivamente il premier. Anzi, ammetto che è probabile (e io credo che in futuro le primarie per il premier saranno tra Renzi e Letta). Tuttavia non mi interessa quali siano le ambizioni di Renzi. Se da segretario del Partito, insieme a tutti noi, rifonderà, rinnoverà e rilancerà il PD, consentendoci in futuro di vincere le elezioni, non avrà fatto il suo interesse, ma il nostro (e io penso quello del Paese). Se realizzando le sue legittime ambizioni realizzerà le aspirazioni dell’intero partito e del Paese tanto meglio. Un motivo in più per sostenerlo, non uno in meno!
GT

Annunci

Informazioni su QuintoStato

Corro, leggo, scrivo, racconto. Negli anni ho svolto un percorso che ha intrecciato attività politica, professionale, didattica e di ricerca. Laureato nel 1997 in Storia contemporanea a Bologna, ho conseguito successivamente il dottorato in Storia Costituzionale e Amministrativa presso l’ateneo di Pavia e svolto attività di ricerca per l’Università di Modena e Reggio Emilia. Ho pubblicato cinque monografie, curato volumi, mostre e allestimenti museali sulla storia del Novecento e pubblicato una ventina di saggi e articoli su riviste scientifiche e annali di storia contemporanea. Sono autore di spettacoli teatrali e history telling. Sono dipendente della Regione Emilia-Romagna.
Questa voce è stata pubblicata in / e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a “Una critica bizzarra” di Giovanni Taurasi

  1. Credo che inevitabilmente si debba tener conto della disponibilità di materia prima in seno al PD. Detto ciò, ritengo che Renzi abbia pieno diritto ad aspirare a quello che aspira; semplicemente dobbiamo rassegnarci che si va solamente a ribasso e non solo perché è il signor Renzi,
    ma perché il convento passa maledettamente poco.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.