“Al vertice come al Grande Fratello. Se la trasparenza uccide la trattativa” di PIERLUIGI BATTISTA dal Corriere della Sera del 27 marzo 2013

Il nuovo feticcio della mitologia politica odierna: lo streaming. Il simbolo della trasparenza assoluta. Lo strumento magico che distrugge ogni opacità. Ora questo prodigio della tecnica che trascina discorsi estatici sulla nuova democrazia web, entra nella rete polverosa delle consultazioni per la formazione del nuovo governo.
Lo porteranno quelli del Movimento 5 Stelle nel colloquio con Bersani. Ci sarà la recita. Sarà pura fiction. Ma quanto ci si sentirà confortati dalle meraviglie della democrazia integrale, del mondo interamente trasparente, senza segreti, senza ombre, tutto solare, tutto illuminato, tutto in diretta?
Un’illusione. Ma illudersi un pò può sempre massaggiare l’anima. L’unica volta che davvero avremmo tanto voluto seguire in streaming una riunione grillina è stata quando i neo-senatori dovevano decidere se votare Pietro Grasso alla presidenza oppure no. Lì però, niente trasparenza: solo oscurità, urlacci percepiti nei corridoi, divisioni nascoste alla grande platea democratica. Ma che senso ha lo streaming sulle consultazioni di governo? È ovvio che lì non si diranno le cose vere. Si eserciterà l’arte dell’autocontrollo, oppure si diranno cose molto pesanti, spettacolarmente molto pesanti, perché tutto il mondo sappia che si sono dette le cose molto pesanti. Perché se la trasparenza, la pubblicità totale di colloqui che richiedono un ineliminabile margine di ragionevole riservatezza provocherà un nuovo livello ancora più segreto. E che si fa, lo streaming su ogni conversazione privata. Dovremmo avere lo streaming di ogni telefonata tra Bersani e Renzi? Non può esserci nessun margine di riserbo per trattative normali, ma che non possono essere rappresentate in diretta tv o web pena la loro totale nullità o irrilevanza.
Un bene? Un male? Ma nella storia i momenti più delicati, che hanno prodotto anche i migliori risultati, non sono stati trafitti dalle luci abbaglianti dello streaming. Quando Clinton chiamò Arafat e Rabin per far parlare tra di loro due nemici irriducibili, non c’era uno streaming che avrebbe reso le trattative preparatorie a quello storico incontro semplicemente impossibili. Ci sono riunioni che non devono essere necessariamente pubbliche. Se i nostri Padri costituenti avessero discusso in streaming sulla Costituzione che stavano preparando, probabilmente non avrebbero discusso in totale libertà. La trasparenza è un valore quando non ci devono essere ombre sui bilanci pubblici, quando i rappresentanti discutono di problemi che sono strettamente legati alla vita dei cittadini. È bene che in Parlamento tutto sia limpido, e nelle assemblee locali. Ma la vita delle istituzioni, come quelle di tutti noi, non è una sequenza del Truman Show, non è un provino del Grande Fratello per fare qualunque cosa sotto l’occhio indagatore del pubblico pagante. La trasparenza non è un invito al voyeurismo. E la riservatezza non è necessariamente un disvalore. Non perché, come recita la vulgata neo-roussoiana della democrazia diretta e senza nemmeno l’ombra di una mediazione, ci sia necessariamente qualcosa di losco o di poco raccomandabile «da nascondere», ma perché la trasparenza totale e senza residui contiene paradossalmente un’idea autoritaria della vita e della politica. Il massimo della democrazia diretta, come insegna la degenerazione giacobina della Rivoluzione francese, può trasformarsi nel massimo della coercizione. L’idea che ogni frammento dell’esistenza sia sottoposta al costante scrutinio dell’opinione pubblica è anche alla base del Panopticon descritto da Jeremy Bentham, in cui da un’unica autorità installata al centro si può controllare ogni singolo fiato emesso dai cittadini. Winston Smith, il protagonista di «1984» di Orwell si nascondeva persino dentro casa non perché avesse qualcosa di osceno da «nascondere», ma perché si sentiva soffocare da un’autorità che controllava ovunque ogni suo singolo movimento. Se avessero già inventato lo streaming a quel tempo, l’immaginazione anti-totalitaria di Orwell ne avrebbe tratto spunto come strumento di controllo e di oppressione.
Sono solo «consultazioni», certo. Ma è altrettanto certo che Bersani e i grillini in diretta streaming non si diranno la verità, ma reciteranno una fiction in cui si racconta di due soggetti che fanno finta di dire la verità. Per poi parlarsi di nascosto, sperando che il Truman Show non arrivi anche lì. Senza il mito della democrazia diretta potranno anche essere sinceri. E dialogare sul serio. Ma i cantori della trasparenza assoluta ogni dialogo lo chiamano «inciucio».

“Al vertice come al Grande Fratello. Se la trasparenza uccide la trattativa” di PIERLUIGI BATTISTA dal Corriere della Sera del 27 marzo 2013

Annunci

Informazioni su QuintoStato

Giovanni Taurasi vive a Carpi (MO). Fa parte dell'Assemblea Nazionale del PD eletta l'8 dicembre 2013. Laureato in Storia contemporanea a Bologna, ha conseguito nel 2002 il dottorato di ricerca presso l’Università di Pavia e svolto attività di ricerca per l'Univerità di Modena e Reggio Emilia ed enti pubblici e privati. All’attivo ha una trentina di pubblicazioni, tra cui cinque volumi monografici sulla storia del '900, curatele di volumi, mostre, saggi e articoli su riviste di storia. Dipendente della Regione Emilia-Romagna.
Questa voce è stata pubblicata in / e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a “Al vertice come al Grande Fratello. Se la trasparenza uccide la trattativa” di PIERLUIGI BATTISTA dal Corriere della Sera del 27 marzo 2013

  1. francesca valensise ha detto:

    Analisi perfetta, come sempre.

    Mi piace

  2. adriano ha detto:

    Da un comico non possiamo aspettarci governo, dobbiamo accontentarci delle recite.
    Mio nonno soleva dire: “dae sucare no nasse fasioi” (dalle piante di zucca non escono fagioli).

    Mi piace

  3. Piergiorgio Duca ha detto:

    E se, con tutti i limiti che Battista segnala soprattutto alla nostra intelligenza, per aiutarci a non farci abbagliare da ciò che si vuol spesso fare apparire e non è (ad esempio che tutti coloro che sono in parlamento lo sono per la promozione del bene comunue, senza interessi personali da difendere, per spirito di servzio, perchè l’Italia è il paese che amano), fosse arrivato il momento di non più consentire che ci trattino da minorenni irresponsabili ai quali è bene non dare le chiavi di casa, il momento di mandare in soffitta paternalismo e provvidenzialismo, tanto più che sono sotto gli occhi di tutti i limiti di coloro che poco più di un anno fa reputavamo super-professionisti, il momento, insomma, di avviare prove tecniche di partecipazione, con tutta l’umiltà (ecco, forse questa fa difetto) di chi è davvero alla ricerca di soluzioni innovative, senza vendere fumo, false certezze e soprattutto senza presumere di avere già le soluzioni in tasca ?

    Mi piace

I commenti sono chiusi.