“Segretario Bersani, rinunciamo al rimborso elettorale 2013” di Paolo Trande* per il Post del lettore

Il Post del lettore di Paolo Trande*

Caro Pier Luigi,
chi ti scrive è un iscritto al Partito Democratico, di 47 anni, eletto in Consiglio Comunale a Modena (capogruppo). Nella vita “normale” faccio il medico ospedaliero.

Ho sostenuto convintamente la tua candidatura alle primarie per la segretaria nel 2009, alle primarie per la premiership della coalizione “Italia Bene Comune” e, senza risparmio di energie, la nostra battaglia elettorale del 24 e 25 febbraio scorso. Come te penso non sia andata come avremmo voluto e come ci aspettavamo. Siamo stati travolti da un ondata di indignazione, di rabbia, di risentimento generata dalle crisi economica e sociale. Ma non è delle cause del nostro insuccesso che vorrei parlarti (anche se ha giocato un ruolo fondamentale nella montante indignazione popolare): tu le cause le conosci meglio di me. Vorrei parlarti della necessità di provare a trovare delle soluzioni al quadro politico-parlamentare che si è venuto a generare, con il M5S al centro della ipotesi di “Governo del Cambiamento” (che io condivido). Vorrei parlarti dei rimborsi elettorali e suggerirti di chiedere di rinunciare (almeno ai nostri) e di destinarli alla ricostruzione della “Città della Scienza” (m)andata distrutta.
Caro Pier Luigi, io come te penso che la politica debba vedere un finanziamento pubblico per evitare che siano solo i ricchi a praticarla. Come te, penso che ci sia necessità di attuare l’art.49 della Costituzione attraverso una “legge sui partiti” in cui vengano fissate norme di trasparenza, democraticità, etc. Non ho dubbi che sia un elemento di democrazia ed equità, come in tutte le democrazie avanzate europee, ma ti chiedo (sulla scia del tuo >) di valutare attentamente l’importanza che la rinuncia potrebbe avere rispetto alla possibilità di un accordo parlamentare con il M5S. Con molta modestia, dalla “periferia”, da cittadino con passione civile che fa il volontario della politica, ti chiedo di compiere questo gesto che potrebbe dare un contributo alla soluzione di questa difficile situazione. Non ti chiedo di rinunciare al principio: lasciamo 1,00 € come rimborso elettorale 2013 e nel frattempo, sperando che si possa avviare il “Governo del Cambiamento”, proviamo in Parlamento a fare una nuova legge sul modello delle democrazie europee avanzate (Francia, Germania…..). So che sarà dura, che la politica ha dei costi, ma penso che potremmo provare a vicariare quelle risorse con una accresciuta sensibilità, di tutti noi, alla necessità di una maggiore contribuzione volontaria per il Pd.
La destinazione alla ricostruzione della Città Scienza di Napoli sarebbe poi una finalizzazione ad alto valore simbolico. Se, come si dice, è stata la camorra la ricostruzione immediata è obbligatoria!
Se vorrai compiere questo gesto penso che per il M5S diventerà molto difficile sottrarsi alla necessità di dare un governo al Paese. Cadrebbe ogni alibi. Si comprenderebbe da subito che non sono andati in Parlamento per cambiare ma per paralizzare e prostrare ulteriormente questo Paese già depresso e umiliato da 20 anni di berlusconismo.
Spero, caro Pier Luigi, che tu voglia prendere in considerazione il modesto consiglio di un cittadino, attivista civico, “bersaniano doc”, come dicono di quelli che ti sostengono ancora senza indugio alcuno.

Un abbraccio
Paolo Trande*
*Capogruppo del PD nel Consiglio comunale di Modena
http://www.facebook.com/paolo.trande
Per sottoscrivere l’appello clicca qui

Annunci

Informazioni su QuintoStato

Giovanni Taurasi vive a Carpi (MO). Fa parte dell'Assemblea Nazionale del PD eletta l'8 dicembre 2013. Laureato in Storia contemporanea a Bologna, ha conseguito nel 2002 il dottorato di ricerca presso l’Università di Pavia e svolto attività di ricerca per l'Univerità di Modena e Reggio Emilia ed enti pubblici e privati. All’attivo ha una trentina di pubblicazioni, tra cui cinque volumi monografici sulla storia del '900, curatele di volumi, mostre, saggi e articoli su riviste di storia. Dipendente della Regione Emilia-Romagna.
Questa voce è stata pubblicata in / e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a “Segretario Bersani, rinunciamo al rimborso elettorale 2013” di Paolo Trande* per il Post del lettore

  1. adriano ha detto:

    Nobilissimo l’intento, ancor più nobile lo spunto.
    Ne ho un’altra ancor più semplice: eliminiamo per legge quei folcloristici e terrificanti cartelloni elettorali che devastano il paesaggio: soffre già abbastanza di suo.

    Mi piace

  2. Pingback: “Segretario Bersani, rinunciamo al rimborso elettorale 2013″ di Paolo Trande* per il Post del lettore | Socializzazione se vi piace…

  3. casar46 ha detto:

    Mi associo, non é la prima volta che dimostriamo altruismo e disponibilità, e non sarà nemmeno l’ultima, come le volte precedenti a sostegno del paese abbiamo dovuto accettare anche bocconi amari, ciònonostante e interessante la parte che riguarda la ricostruzione della Città della scienza, indipendentemente da cosa farà il M5S, in attesa di una legge chiara e rispettosa dei tempi e delle difficoltà del paese, sapendo che non tutto e a costo zero.
    Antonio C.

    Mi piace

  4. casar46 ha detto:

    Anzi, questa sarebbe l’occasione di rilancio al M5S, di accettare i contributi, e devolverli alla Citta della scienza, sarebbe una vera solidarietà ed un messaggio forte alla camorra.
    Antonio C.

    Mi piace

  5. Luca ha detto:

    Chi pensa che la rinuncia, totale o parziale, al finanziamento pubblico, possa far cambiare parere sul Governo ai 5S, si illude.
    A mio parere, al momento, occorre pensare a un “governo parlamentare”: si facciano leggi di iniziativa parlamentare, in accordo col programma 5S, infischiandosene se c’è o non c’è un Governo. Dal punto di vista formale può benissimo procedere Monti “in prorogatio”. Oppure un Governo del PdR Napolitano (es. Cancellieri, o Barca come PDCM), per la sola ordinaria amministrazione. Un po’ d’inventiva, cavolo ! Non seguite sempre i percorsi già tracciati. Questo lo sanno fare anche i muli !
    Un 5S “critico” dei 5S

    Mi piace

I commenti sono chiusi.