“Quando il no serve ad affermare la libertà e la dignità della persona” di CLAUDIO MAGRIS dal Corriere della Sera del 13 febbraio 2013

La straordinaria fermezza del vecchio eschimese che lascia l’igloo

Quasi tutto ci spinge, quasi sempre, a dire di sì dinanzi a ciò che ci viene offerto e alla condizione in cui ci troviamo: la paura di offendere, il timore di rimanere fuori gioco, lo sgomento davanti ai cambiamenti, antichi e radicati imperativi morali. Il no di Benedetto XVI è anche un gesto di libertà che fa di un Papa un uomo, secondo Shakespeare, che esorta, qualsiasi cosa si faccia, a farla assecondando la propria natura.
È più facile prendere che lasciare, dire di sì che dire di no. Quasi tutto ci spinge, quasi sempre, a dire di sì dinanzi a ciò che ci viene offerto e alla condizione in cui ci troviamo: la paura di offendere o di far restar male qualcuno, il timore di rimanere fuori gioco, lo sgomento davanti a cambiamenti della nostra vita, antichi e radicati imperativi morali, spesso sacrosanti, che impongono il dovere di agire, di combattere, di restare al proprio posto come i capitani di Conrad al comando di una nave in gran tempesta. È dunque comprensibile che il grande e fermo no detto da Benedetto XVI abbia sconcertato tante persone, fedeli e no, prese alla sprovvista da una rinuncia alla più alta carica e responsabilità del mondo. È comprensibile che ci sia chi ammiri e chi deplori la risoluta decisione del Papa, anche se il legittimo sentimento di consenso o di smarrimento non autorizza nessuno ad ergersi comodamente e arrogantemente a giudice di quella drammatica risoluzione, sofferta ma portata con straordinaria fermezza, una fermezza che forse mai prima questo Pontefice, problematico e talora esitante, aveva dimostrato con altrettanta intensità.
È più facile, in generale, dire di sì, esplicitamente dinanzi a una nuova richiesta o implicitamente restando nella condizione in cui ci si trova. Ma è soprattutto con il no che si affermano la libertà e la dignità di un individuo: rifiutare e dunque mutare ciò che appare immutabile, sfatare la pretesa di ogni situazione consolidata che si crede salda e indiscutibile, non bruciare l’incenso agli idoli, talora mascherati da dei. Il gesto di Joseph Ratzinger è certo un gesto rivoluzionario, che stravolge le regole, le consuetudini e le aspettative felpate e prudentissime della Curia romana, cautele circospette radicate nei secoli e divenute talora Dna, spesso stampate nei lineamenti e nelle facce ineffabili di molti suoi alti e interscambiabili esponenti.
Prendere atto, apertamente, di una propria debolezza e inadeguatezza è una delle più alte prove di libertà e di intelligenza. Lukács, il filosofo marxista, non è forse mai stato così grande come quando, ultraottantenne, si è dichiarato incompetente a giudicare l’opera che stava scrivendo e l’ha affidata ai suoi scolari. Il vecchio eschimese che, sentendosi inutile, lascia l’igloo e sparisce nella notte artica dimostra una lucidità e una forza superiori a quelle dei suoi compagni. Proprio per questo, c’è chi sostiene che Benedetto XVI avrebbe potuto — secondo alcuni, dovuto — restare al suo posto, per il bene di tutti. Ma ci si può sostituire a chi vive quel dramma, sul quale noi tranquillamente dissertiamo? Sostituirsi a chi sente nelle sue vene, nelle sue fibre, nelle sue fantasie anche fugaci prima ancora che nei suoi articolati pensieri la propria forza o la propria debolezza e avverte nel suo respiro, nel suo sudore la realtà della sua vita?
Come ha ineguagliabilmente chiarito Max Weber, c’è un’etica della convinzione e c’è un’etica della responsabilità. La prima impone di agire secondo principi assoluti, non discutibili: se sta scritto «non uccidere», non si snuda la spada, qualsiasi cosa possa accadere. La seconda impone di agire pensando alle sue conseguenze: se nessuno avesse snudato la spada davanti a Hitler, bombardando e uccidendo pure tanti innocenti bambini tedeschi, il nazismo sarebbe stato padrone del mondo e Auschwitz sarebbe stata la regola. Entrambe le etiche sono altissime ed entrambe possono degenerare, rispettivamente nel cieco fanatismo impermeabile alla realtà e nella giustificazione di ogni compromesso.
Non sappiamo se Ratzinger abbia agito secondo l’etica della convinzione o secondo quella della responsabilità, ritenendosi inadeguato — cosa più che comprensibile per un uomo della sua età cui il vicariato di Cristo non risparmia alcun decadimento comune a tutti gli uomini — a guidare la Chiesa. Se è così, ha fatto il suo dovere, cosa che era difficile fare. Si possono avanzare tutte le illazioni possibili sui fattori che possono averlo spinto a quella decisione: qualche imminente grave crisi della Chiesa che egli non si sentiva capace di dominare, amarezze, incomprensioni o peggio subite da chi gli stava intorno o chissà quali altri motivi. Ma sulle illazioni, finché restano tali, non si può fondare alcun giudizio. Certo la sua rinuncia al soglio supremo fa specie soprattutto in Italia in cui non c’è quasi nessuno capace di rinunciare al più misero seggiolino — forse perché quel seggiolino è la sua unica realtà, è tutto il suo Io, che senza il seggiolino o la seggetta svapora come un cattivo odore, mentre Joseph Ratzinger non è solo un Papa, è — prima ancora — Joseph Ratzinger.
Il suo gesto rende concreta, umana, la figura di chi si proclama vicario di Cristo ma non per questo, nella dura e opaca vita d’ogni giorno, ne sa più degli altri. Ha portato due croci, due destini pesanti. Il primo è stato il percorso che lo ha condotto, da innovatore fra i più audaci all’inizio del Concilio Vaticano II — fortemente avversato, come altri cardinali e vescovi tedeschi, da conservatori della Curia come Ottaviani — a un ruolo che, soprattutto grazie alle semplificazioni mediatiche, lo ha fatto apparire, per lo più ingiustamente, un conservatore retrogrado. Ha vissuto il doloroso dramma di chi apre arditamente una porta al nuovo e, turbato da tante cose confuse e cattive che si mescolano alla bontà del nuovo, si trova spinto a chiudere quella porta, come un insegnante che giustamente faccia leggere ai suoi allievi Baudelaire o de Quincey e poi, vedendo che molti goffamente si ubriacano di assenzio e di oppio, toglie quelle letture dal programma. È divenuto, ingiustamente, bersaglio di tanti stolti e supponenti dileggi, un bersaglio obbligato del tiro a segno nel grande circo in cui viviamo. È stato ad esempio fischiato e vilipeso per la sua contrarietà al matrimonio omosessuale, ma i suoi fischiatori, stranamente, non sono andati a fare pernacchie e a tirare uova marce alle finestre delle ambasciate di Paesi in cui gli omosessuali vengono decapitati.
È divenuto Papa e sul suo pontificato sarà la Storia a giudicare. Ma si vedeva subito che non era felice di fare il Papa, diversamente dal suo predecessore. Non era, non è a suo agio in quel ruolo, che probabilmente esige una vitalità diversa, una sanguigna e brusca capacità di scuotere la polvere degli eventi dai propri calzari, cosa che era naturale a Giovanni Paolo II, che poteva soffrire — e ha sofferto molto — ma non dava mai l’impressione di essere a disagio. Negli stessi panni, Joseph Ratzinger si è trovato invece forse a disagio e perciò ha dato talora l’impressione di essere indeciso e soprattutto di soffrire troppo il peso della sua responsabilità, cosa che non è sempre un bene per chi esercita il potere.
Ho avuto la fortuna di incontrarlo e di poter parlare liberamente con lui, in un’udienza privata, in occasione della pubblicazione del secondo volume — il più grande — del suo Gesù di Nazaret, che avevo presentato a Roma la sera prima. C’era un’atmosfera di tristezza, nell’aria ovattata di quelle splendide sale e corridoi; dava l’idea di una dorata prigionia. Abbiamo parlato, in italiano e in tedesco, di città care ad entrambi, come Monaco o Regensburg, e di alcuni passi straordinari di quel suo libro su Gesù, ad esempio là dove egli dice, con grande coraggio, che la vita eterna non è una specie di tempo infinitamente prolungato bensì la vita autentica e piena di significato, il kairòs greco, l’istante assoluto della verità. «Ma allora — mi disse quasi con incantevole ingenuità — Lei ha veramente letto il mio libro!», al che gli risposi che non ero un impostore e che, in ogni caso, se proprio avessi deciso di imbrogliare, non avrei scelto per questo il suo libro. Forse l’altissimo ufficio non si confà alla sua natura. Se è così, il suo gesto di rinuncia è anche un riappropriarsi della propria persona, un gesto di libertà che come pochi altri fa di un Papa un uomo, secondo il detto di Shakespeare, che esorta, qualsiasi cosa si faccia, a farla secondo la propria natura.

“Quando il no serve ad affermare la libertà e la dignità della persona” di CLAUDIO MAGRIS dal Corriere della Sera del 13 febbraio 2013

Annunci

Informazioni su QuintoStato

Giovanni Taurasi vive a Carpi (MO). Fa parte dell'Assemblea Nazionale del PD eletta l'8 dicembre 2013. Laureato in Storia contemporanea a Bologna, ha conseguito nel 2002 il dottorato di ricerca presso l’Università di Pavia e svolto attività di ricerca per l'Univerità di Modena e Reggio Emilia ed enti pubblici e privati. All’attivo ha una trentina di pubblicazioni, tra cui cinque volumi monografici sulla storia del '900, curatele di volumi, mostre, saggi e articoli su riviste di storia. Dipendente della Regione Emilia-Romagna.
Questa voce è stata pubblicata in / e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a “Quando il no serve ad affermare la libertà e la dignità della persona” di CLAUDIO MAGRIS dal Corriere della Sera del 13 febbraio 2013

  1. Carl Wilhelm ha detto:

    Un bellissimo testo di Claudio Magris su il ‘nostro’ Papa Benedetto che mi ha stimolato per un intervento breve su Ratzinger, molto odiato da tantissimi amici italiani come un ‘Pastore tedesco’…
    C’era una volta un ‘Pastore tedesco’
    Mi ricordo molto bene il titolo di un giornale italiano ( mi pare era ‘il manifesto’ ) dopo la fumata bianca per il nuovo Papa d’allora Josephus Ratzinger che si chiamava Benedetto XVI. Devo confessare anche per me come cattolico tedesco la vota della Conclave non era molto piacevole perche Ratzinger era molto conosciuto in Germania come un vero ‚Pastore tedesco’ verso i cattolici di sinistra ed i preti della cosidetto ‚Teologia della liberazione’. Un uomo molto colto ed anche di grande saggezza ma culturamente molto conservativo e tradizionale. Poi il suo Pontificato non mi ha interessato molto perche è stato proprio cosi come ho pensato all’ inizio. Il suo atteggiamento sempre esitante verso gli „Ultras“ Cattolici di destra come i ‚Fratelli di Pio’ ed altri non mi ha piaciuto per niente. Ma oggi dopo il suo ritiro spettacolare dalla sede di San Pietro è cresciuto un vero respetto verso di lui. Potrebbe essere un modello di dire Addio all’ incarico anche per tantissimi politici o imprenditori o banchiere di una certa età sia in Germania sia in Italia. Con quell’ gesto straordinario ha dimostrato a tutto il mondo e non solo per i fedeli la sua debolezza fisica ma sopratutto la sua disorientamento in un mondo che non è piu la sua e della sua generazione. Ha aperto la porta per una nuova tappa della storia non solo della Chiesa Cattolica ma forse anche per il Mondo laico d’oggi. Spero di un nuovo Papa sulle tracce insomma non di Papa Giovanni Paolo II. o di Benedetto XVI ma del ‚Papa Buono’ Giovanni XXIII. che ha avuto un grande corraggio per il nuovo „Aggiornamento“ della Chiesa. Il Cardinale Gianfranco Ravasi sarebbe per me la prima scelta fra gli Europei o qualche Cardinale della America Latina che ha dimostrato sempre una sensibiltà forte verso i vinti della attuale talvolta molto aggressiva globalizzazione capitalistica. Non ho perso la speranza che una chiesa cattolica piu combattivo per i poveri e i vinti puo essere possibile. Abbiamo bisogno delle forze che non alzarano le braccia e festiaggiarano il cinismo come l’unico modo di vivere. Mi pare anche la noiosa polemica contro ‚Pastore tedesco’ è finito con il ritiro del Papa Ratzinger.
    Carl Wilhelm Macke ( Monaco di Baviera )

    Mi piace

I commenti sono chiusi.