“Cosa accadrà in questa settimana preballottaggio?” di Giovanni Taurasi

Lo scorso 3 ottobre, quando ancora non era per nulla chiaro in che scenario si sarebbero svolte le primarie del centrosinistra e con quali candidati, utilizzando metafore calcistiche scrissi questo Post, che rimane ancora attualissimo.
Come sostenevo all’epoca, resto convinto che “dopo le primarie, il vincitore dovrà cambiare radicalmente strategia e rivolgersi ai ceti di riferimento dell’avversario per riprendersi il sostegno delle fasce sociali trascurate nel primo tempo e poter così riaggregare un blocco sociale eterogeneo e progressista che rappresenti la maggioranza degli elettori”. E prevedo che in questa settimana accadrà proprio questo (o meglio, chi vuole vincere dovrà farlo). Già Renzi ieri sera nel suo commento ha ammiccato a ‘bacini elettorali’ tradizionalmente più di sinistra. Credo che farebbe bene anche Bersani, perché ne ha le credenziali e lo ha dimostrato da ministro, a declinare il suo impegno a tutto campo, in modo da intercettare il consenso “in aree del campo più trascurate e non presidiate dal PD o disaffezionate, come il mondo dell’impresa, del lavoro atipico, delle professioni, dei ceti medi depauperati dalla crisi e smarriti” e sottolineando molto di più il tema del rinnovamento della classe dirigente. Insomma, attendiamo che scenda in campo Johan Cruijff!
GT

P.S. Ieri è stata una lunga giornata di democrazia e partecipazione per l’Italia, per la politica, per il centrosinistra. Democrazia vera e in carne ed ossa, fatta di persone con passione politica, voglia di partecipare e scegliere, e di partiti democratici, di nome e di fatto. Di democrazia non se ne vede più molta in circolazione (nè a destra, nè nel grillismo), e dobbiamo essere orgogliosi di essere noi del centrosinistra a prendercene cura e tenerla viva. E domenica prossima si replica!
I votanti alle Primarie del centrosinistra sono stati 3milioni e 100 mila, Bersani ha ottenuto il 44.9% dei voti e Renzi il 35.5%.
Solo per la Questura (e Grillo) i votanti sono stati 10 mila e Tabacci è in testa.

Annunci

Informazioni su QuintoStato

Giovanni Taurasi vive a Carpi (MO). Fa parte dell'Assemblea Nazionale del PD eletta l'8 dicembre 2013. Laureato in Storia contemporanea a Bologna, ha conseguito nel 2002 il dottorato di ricerca presso l’Università di Pavia e svolto attività di ricerca per l'Univerità di Modena e Reggio Emilia ed enti pubblici e privati. All’attivo ha una trentina di pubblicazioni, tra cui cinque volumi monografici sulla storia del '900, curatele di volumi, mostre, saggi e articoli su riviste di storia. Dipendente della Regione Emilia-Romagna.
Questa voce è stata pubblicata in / e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.