“L’ARTE DI BASTARE A SE STESSI CHE CI LASCIA SOLI” di FRANCO LA CECLA da La Repubblica del 31 ottobre 2012

Nulla sembra così disdicevole della perdita di tempo e delle code. E soprattutto del dover esplicare i propri compiti e le proprie necessità quotidiane dipendendo dai tempi altrui. Il self-help è stato inventato negli anni ’50 negli Stati Uniti ed insieme al self-service ha avuto dall’inizio spiccate connotazioni sessuali. Self-help significa anzitutto masturbazione, cioè il mito per eccellenza del bastare a se stessi. E questo mito, abbandonate le derive onanistiche è approdato all’idea del soddisfarsi da soli che ha creato oggetti diabolici come il walkie-talkie (perché avere bisogno della musica dal vivo quando posso averla con me sempre a portata di mano?) e altri miti analoghi, di cui i-pod., cuffie telefoni cellulari sono l’ovvia conseguenza. Il comandamento è sempre lo stesso “avere tutto a portata di mano” e “farcela da soli”. Sicuramente una grande conquista ed una grande comodità, niente più code ai telefoni pubblici, niente code ai botteghini, mai più code nemmeno per un caffè o una bibita. L’individuo pienamente realizzato è solo davanti ad un distributore sia esso di benzina, di coca cola o di preservativi – che sollievo non doverli chiedere ad un farmacista. In questa mitologia è sempre il self–help a trionfare, dal bancomat alla prenotazione online del low cost. Ovviamente il costo del bastare da soli è già annesso
nel concetto: si è soli. E l’immagine della solitudine quasi autistica è davanti ai nostri occhi e alle nostre orecchie quando un vicino di treno è avvolto dalle sue cuffie che gli mandano la musica a palla. Io sono esisto ed il mondo là fuori mi serve solo come cornice visiva di una colonna sonora che ho scelto io. E soprattutto non voglio che questa mia versione personalizzata della vita venga alterata da qualcuno che mi interrompa o da un evento che sia inaspettato. La solitudine oggi si accompagna alla assoluta prevedibilità di tutto, dalla musica al sesso, al viaggio, alle compagnie ritrovate su facebook e su meetic. L’inedito, l’irrompere nel quotidiano dell’inaspettato rimane lungi da noi se ne allontaniamo le fonti principali, la realtà degli altri e la realtà tout-court. La ciccia del mondo non deve minacciare la nostra ciccia.
C’è nell’individuo che basta a se stesso l’eroismo del giovane che muore nella natura con la pretesa di bastare a se stesso, l’ideologia del via dalla pazza folla. Il single è l’acquirente ideale per ogni servizio altamente personalizzato. Il navigatore è l’ultimo magnifico ritrovato per fidarsi più del satellite che del passante a cui chiedere indicazioni. Ovviamente in tutto questo c’è molta bellezza, anche, molta conquista del rapporto con se stesso, molta autonomia conquistata dalle ultime generazioni rispetto all’invadenza dei parenti e dei genitori. Ma c’è anche infine una terribile nuova solitudine da sopportare. Con Piero Zanini abbiamo voluto analizzare questa sindrome iper-moderna nel suo contrario, nella elaborazione di “una morale per la vota di tutti i giorni” che si basa invece dall’accettata interdipendenza delle persone che vivono in uno stesso luogo. La morale è l’accettazione delle regole quotidiane di una simpatica, scherzosa, ma anche solidale convivenza. Le chiacchiere scambiate col barista, le battute che in coda per un autobus affollato o in un ufficio postale improbabile si incrociano salvano la qualità del nostro quotidiano e fanno diventare la difficoltà del vivere una commedia goldoniana.
E noi italiani in questo siamo stati maestri per secoli. È nelle attese, nelle routines quotidiane e nei sogni ad occhi aperti che condividiamo con altri che si crea cultura . Quanto è affollata e in fin dei conti rilassante una vita che è popolata di figure di sconosciuti che però sono ancora capaci di sfiorarci e di interpellarci. Quanto è lontana dallo stalking e dalla concezione degli altri come disturbo la magnifica limitata dipendenza dai circostanti.

“L’ARTE DI BASTARE A SE STESSI CHE CI LASCIA SOLI” di FRANCO LA CECLA da La Repubblica del 31 ottobre 2012

Annunci

Informazioni su QuintoStato

Corro, leggo, scrivo, racconto. Negli anni ho svolto un percorso che ha intrecciato attività politica, professionale, didattica e di ricerca. Laureato nel 1997 in Storia contemporanea a Bologna, ho conseguito successivamente il dottorato in Storia Costituzionale e Amministrativa presso l’ateneo di Pavia e svolto attività di ricerca per l’Università di Modena e Reggio Emilia. Ho pubblicato cinque monografie, curato volumi, mostre e allestimenti museali sulla storia del Novecento e pubblicato una ventina di saggi e articoli su riviste scientifiche e annali di storia contemporanea. Sono autore di spettacoli teatrali e history telling. Sono dipendente della Regione Emilia-Romagna.
Questa voce è stata pubblicata in / e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a “L’ARTE DI BASTARE A SE STESSI CHE CI LASCIA SOLI” di FRANCO LA CECLA da La Repubblica del 31 ottobre 2012

  1. Oscar ha detto:

    Quello che ascolta la musica con le proprie cuffie disturba molto meno di quello che tiene alto il volume degli altoparlanti del prorio player e pretende che tutti ascoltino la sua musica. Autonomia e riservatezza non significano individualismo. Bisogna avere l’intelligenza, ovvero esercitare l’arte del discernimento, di sapere quando si può conversare, sfiorare e quando bisogna mettersi le cuffie. La metropolitana non ostante concentri un sacco di gente non è un condensatore sociale. Mettersi le cuffie in una sala da ballo o discoteca sarebbe strano. La solitudine e la socialità sono delle opportunità che devono essere entrambe coltivate e reciprocamente rispettate.

    Mi piace

  2. paolo ha detto:

    Mi ritrovo pienamente in quello che Franco La Cecla descrive come la mancanza della socialità ,dello scambiare emozioni e pensieri ,del condividere e confrontare .In quello che è il seme per la crescita e la partecipazione per il cambiamento e le conquiste socio civili ,quello che è stato il motore della storia delle persone e delle vicende del novecento .
    Questo spirito del cortile, del pianerottolo ,della piazzetta ,della casa del popolo , della sezione e dell’oratorio , del mercatino sotto casa , dell’ambulatorio del medico di famiglia ,del refertorio ,delle sale mense delle offcine , delle palestre delle scuole , delle sale d’attesa delle stazioni ferroviarie , delle sale chiamate degli uffici di collocamento ,delle occupazioni delle case poppolari ,delle assemblee e dei comitati spontanei ,del monimento delle donne , delle persone che hanno avuto il coraggio e la forza di uscire allo scoperto per rivendicare pari diritti e dignità per tutti gli orientamenti sessuali .Detto ciò il problema è, credo, l’uso che niene fatto delle conoscenze e delle scperte tecnologiche .
    Il danno è quando quesi ausili sostituiscono la vita relazionale ,quando appunto come dice La Cecla ” Io sono esisto ed il mondo là fuori mi serve solo come cornice visiva di una colonna sonora che ho scelto io.”,non vorrei buttarla in politica ,individuare nella società sognata e proposta a iosa dai vari “Grande Fratello”, “Tronisti e altri” sarebbe troppo facile e smplificativo ma questo negli ultimi 25 anni è successo nel nostro Paese .
    Molti di quelli chi per anni aveva lotttato per il miglioramento e la svolta si sono resi complici sperando di influire, condizionare ,invece alla fine sono stati inglobati e hanno contribuito all’imbarbarimento , indicando come attaccati al passato e a visioni “rurali” coloro che in nome del BeneComune hanno cntinuato a prendere manganellate nelle piazze e nella società.
    Ma come sempe ci sono diverse sfumature e non è possibile la deformazione del tutto bianco /tutto nero , errori ,illusioni, miraggi e sconfitte ,parziali vittorie ed effimere conquiste hanno segnato questi decenni , qualcuno dice che la classe operaia non c’è più , qualcuno dice che il conflitto va messo in rottamazione , qualcuno scopre il merito e pensa che la raccomandazione non vale più , qualcuno elogia i tecnici e questi piuttosto che colpire i grandi patrimoni tentano di rastrellare i piccoli indennizzi delle persone con malattie croniche e invalidanti .
    Ecco ritorno alla questione centrale ,non demonizzare le tecnologie ,
    d’altronde è grazie al buon utilizzo che ne fanno i giovani ,che adesso non passano sotto silenzio le arroganti ” cariche di alleggerimento delle forze dell’ordine” è grazie alla capacità di usarle in modo costruttivo che la partecipazione e conoscenza non è diminuita anzi si è arricchita :
    Riscoprire il valore della bellezza della relazione interpersonale è la cosa giusta però secondo me non si è persa , per tanti che si rovinano l’udito e stanno chiusi nel loro autistico mondo per non vedere la bambina che chiede un centesimo nella metropolitana o per non sentire le urla del disoccupato che grida contro il sindaco nella via della moda cittadina .ci sono miloni che ancora usano le parole e l’affetto che esse rimandono .
    Infine come è possibile dimenticare che per le persone con disabilità motorie, sensoriali questi strumenti hanno facilitato la vita e reso possibile una vita indipendente non vincolata totalmente a dipendere in tutto da altre persone ,rendendo “sopportabile” e un pò diversa la vita dei familiari

    Mi piace

I commenti sono chiusi.