“C’ERA UNA VOLTA LO STATO SOCIALE” di ALBERTO ALESINA e FRANCESCO GIAVAZZI dal Corriere della Sera del 23 settembre 2012

In quarant’anni, dall’inizio degli anni Settanta ad oggi, l’aspettativa di vita alla nascita si è fortunatamente allungata, in Italia, di dieci anni: da 69 a 79 per gli uomini, da 75 a 85 per le donne. L’allungamento della vita si è anche riflesso in un aumento dell’aspettativa di vita a 65-67 anni, cioè al limite dell’età pensionabile: nel 1970 un sessantacinquenne maschio viveva in media altri 13 anni, oggi la media è diciotto; per le donne è salita da 16 a 22 anni. Ci sono voluti decenni prima che ci accorgessimo che occorreva adeguare l’età di pensionamento all’allungarsi della vita media: nel frattempo la spesa per pensioni è cresciuta dall’8 per cento del Prodotto interno lordo (Pil) nel 1970 a quasi il 17 per cento oggi.
L’allungamento della vita ha anche prodotto un aumento delle spese per la salute. Un anziano oltre i 75 anni costa al sistema sanitario ordini di grandezza superiori rispetto a persone di mezza età. Risultato, la nostra spesa sanitaria oggi sfiora il 10 per cento del Pil. Insieme, sanità e pensioni costano il 27 per cento, 10 punti più di quanto costavano quando il nostro Stato sociale italiano fu concepito.
A questo aumento straordinario non abbiamo fatto fronte riducendo altre spese (ad esempio quella per dipendenti pubblici, che era il 10 per cento del Pil 30 anni fa ed è rimasta il 10 oggi), bensì solo con un aumento della pressione fiscale: dal 33 per cento quarant’anni fa al 48 oggi.
È questo uno dei motivi per cui abbiamo smesso di crescere. Avevamo uno Stato calibrato per una popolazione relativamente giovane; poi la vita si è allungata, le spese sono salite, ma lo Stato è rimasto sostanzialmente lo stesso, richiedendo una pressione fiscale di 15 punti più elevata.
Il problema dell’invecchiamento della popolazione non è solo italiano. Anche negli Stati Uniti, ad esempio, il Medicare (l’assistenza sanitaria gratuita per tutti gli anziani, che sta facendo esplodere il deficit americano) è uno dei temi al centro della campagna elettorale. Ma in Italia, con una popolazione che invecchia a tassi più elevati rispetto ad ogni altro Paese occidentale (il tasso di fertilità è inferiore al nostro solo in alcuni Stati del Centro-Est Europa) il tema è di particolare attualità. In più la partecipazione alla forza lavoro in Italia è relativamente bassa in tutte le categorie tranne gli uomini adulti. Donne, giovani e anziani lavorano meno in Italia che in altri Paesi occidentali, quindi relativamente pochi «lavoratori» devono farsi carico di tutti quelli che non lavorano.
Le riforme delle pensioni, ultima quella Fornero (in particolare l’indicizzazione dell’età pensionistica alla vita media), hanno fermato la crescita della spesa. In questi mesi la spending review del governo Monti si è occupata di come risparmiare qualche miliardo di euro, ma purtroppo tutto ciò non basta.
Dobbiamo ripensare più profondamente alla struttura del nostro Stato sociale. Per esempio, non è possibile fornire servizi sanitari gratuiti a tutti senza distinzione di reddito. Che senso ha tassare metà del reddito delle fasce più alte per poi restituire loro servizi gratuiti? Meglio che li paghino e contemporaneamente che le loro aliquote vengano ridotte. Aliquote alte scoraggiano il lavoro e l’investimento. Invece, se anziché essere tassato con un’aliquota del 50% dovessi pagare un premio assicurativo a una compagnia privata, lavorerei di più per non rischiare di mancare le rate.
Lo stesso vale per altri servizi offerti dallo Stato. Uno studente universitario costa circa 4.500 euro l’anno. Le famiglie ne pagano solo una parte; il resto lo paga il contribuente. Perché non dare borse di studio ai meritevoli meno abbienti e far pagare chi se lo può permettere il vero costo degli studi? Così facendo si aumenterebbe anche la domanda di qualità da parte degli studenti e delle loro famiglie. E si sarebbe meno disposti ad accettare professori che non fanno il loro dovere. Un passo nella direzione giusta è stato fatto alzando le tasse universitarie dei fuori corso, ma anche qui non basta.
Insomma, il nostro Stato sociale si è trasformato in una macchina che tassa le classi medio-alte e fornisce servizi non solo ai meno abbienti (com’è giusto che sia) ma anche alle stesse classi a reddito medio-alto. Questo giro di conto, con aliquote alte, scoraggia il lavoro e la produzione. Non solo, ma gli evasori ne traggono vantaggio; infatti beneficiano dei servizi pubblici gratuiti o quasi senza pagare le imposte.
Così come la campagna elettorale americana si sta focalizzando proprio sul ruolo dello Stato, così anche i nostri politici dovrebbero spiegarci che cosa pensano del futuro del nostro welfare. Per esempio se ritengono che quello che ci ritroviamo sia compatibile con la crescita.

“C’ERA UNA VOLTA LO STATO SOCIALE” di ALBERTO ALESINA e FRANCESCO GIAVAZZI dal Corriere della Sera del 23 settembre 2012

Annunci

Informazioni su QuintoStato

Giovanni Taurasi vive a Carpi (MO). Fa parte dell'Assemblea Nazionale del PD eletta l'8 dicembre 2013. Laureato in Storia contemporanea a Bologna, ha conseguito nel 2002 il dottorato di ricerca presso l’Università di Pavia e svolto attività di ricerca per l'Univerità di Modena e Reggio Emilia ed enti pubblici e privati. All’attivo ha una trentina di pubblicazioni, tra cui cinque volumi monografici sulla storia del '900, curatele di volumi, mostre, saggi e articoli su riviste di storia. Dipendente della Regione Emilia-Romagna.
Questa voce è stata pubblicata in / e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a “C’ERA UNA VOLTA LO STATO SOCIALE” di ALBERTO ALESINA e FRANCESCO GIAVAZZI dal Corriere della Sera del 23 settembre 2012

  1. QuintoStato ha detto:

    Oggi ho scelto questo articolo dei due commentatori liberal del Corsera anche se non esprime pienamente ciò che penso perchè credo che debba far riflettere e discutere!

    Mi piace

  2. Giuseppe ha detto:

    Analisi a volte convincenti (quante ne abbiamo sentite!), ma emerge qualche suggestione liberista. Più convincente l’articolo di ieri di Ruffolo e Sylos Labini “la deriva del capitalismo”.

    Mi piace

  3. Fausto ha detto:

    “se anziché essere tassato con un’aliquota del 50% dovessi pagare un premio assicurativo a una compagnia privata, lavorerei di più per non rischiare di mancare le rate.” Le assicurazioni private? Ma lo sanno i due insigni professori cosa accade spesso negli Stati Uniti, e cioè che non rinnovamo l’assicurazione a chi è malato e mille altre cose per non pagare. Hanno letto i libri di Grisham? Visto i fil che sono stati fatti sull’argomento? O è tutto falso e negli Stati Uniti ci sono scrittori e cineasti falsificatori comunisti di grande sucesso che non vengono querelati chissà perché?

    Mi piace

  4. Paolo Luppi ha detto:

    Ritengo che Alesina e Giavazzzi, nell’ articolo sul Corriere, abbiano affrontato con leggerezza ed argomenti vecchi e non dimostrati, un tema che avrebbe bisogno di argomenti più approfonditi. Uno stato sociale, come termine lo preferisco a welfare, universalistico non è antieconomico anzi al contrario è ecomomico. Se vi fosse una adeguata tutela nei posti di lavoro vi sarebbero meno malattie e meno spese x il servizio sanitario. Ma ai due estensori dell, articolo non interessa molto della difesa della salute nei posti di lavoro o delle condizioni ambientali causa di gravi malattie.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.