“Raccogliendo tempesta” di Giovanni Taurasi

Sul web gli attacchi al Consigliere regionale emiliano del Movimento Cinque Stelle Giovanni Favia sono feroci, ignobili e inaccettabili. I grillini, riferendosi al loro consigliere regionale, urlano sul web: “Va sgozzato”, “Va eliminato”, “Diamo un senso all’inceneritore, buttiamoci Favia”. Viviamo un tempo aggressivo, che il web accentua enormemente. Incredibile vedere Grillo salire sul pulpito e denunciare la campagna d’odio di cui si è nutrito lui stesso, lui che ha fomentato il rancore e cavalcato l’onda dell’ira. Adesso quell’odio si sta scatenando contro Favia, che prima era un militante del partito del rancore e che adesso lo subisce. Ecco cos’è l’antipolitica. L’idea che è tutto schifoso, sporco, sudicio. Che nulla va salvato. Che sono tutti uguali. L’idea palingenetica e di fatto distruttiva. L’antipolitica è ciò che insozza, anche ciò che è ancora pulito. L’antipolitica è la ghigliottina che macchia la Rivoluzione francese. L’antipolitica è la dittatura che uccide le ragioni di chi vuole combattere le ingiustizie. L’antipolitica è la violenza che soffoca i movimenti. E l’antipolitica si nutre prevalentemente di odio. Ma il rancore non si governa, lo si può solo incanalare. Contro qualcuno o qualcosa. “E poiché hanno seminato vento raccoglieranno tempesta” dice la Bibbia nel libro di Osea. Ma non occorreva essere profeti per capirlo prima!
GT

Annunci

Informazioni su QuintoStato

Corro, leggo, scrivo, racconto. Negli anni ho svolto un percorso che ha intrecciato attività politica, professionale, didattica e di ricerca. Laureato nel 1997 in Storia contemporanea a Bologna, ho conseguito successivamente il dottorato in Storia Costituzionale e Amministrativa presso l’ateneo di Pavia e svolto attività di ricerca per l’Università di Modena e Reggio Emilia. Ho pubblicato cinque monografie, curato volumi, mostre e allestimenti museali sulla storia del Novecento e pubblicato una ventina di saggi e articoli su riviste scientifiche e annali di storia contemporanea. Sono autore di spettacoli teatrali e history telling. Sono dipendente della Regione Emilia-Romagna.
Questa voce è stata pubblicata in / e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a “Raccogliendo tempesta” di Giovanni Taurasi

  1. adriano ha detto:

    E poi qualcuno ha la faccia di bronzo per lamentare intimidazioni!
    Scomodo il grande Totò: “ma mi facci il piacere”!

    Mi piace

I commenti sono chiusi.