“IL LAVORO TRADITO. LA GUERRA DEI MINATORI” di LUCIANO GALLINO da La Repubblica del 28 agosto 2012

LA CHIUSURA ventilata della Carbosulcis avrà forse delle ragioni economiche, ma per diversi aspetti ha un forte contenuto politico, e un non meno rilevante potenziale di innovazione del modello industriale. Se le ragioni economiche finissero per prevalere sulle altre, come rischiano di prevalere, sempre in Sardegna, nei casi dell’Alcoa, dell’Euroallumina, della Portovesme, le relazioni industriali in Italia farebbero un altro passo all’indietro, e le spinte a innovare qui e ora un modello industriale superato subirebbero un lungo rinvio.
Il contenuto politico deriva dal fatto che si tratta di minatori. La memoria non può non andare al durissimo attacco che venne sferrato dal governo Thatcher nel 1984-85 contro il sindacato nazionale dei minatori, il più forte del Paese. Ben più che ridurre i costi dell’industria mineraria o avviarla a qualche tipo di conversione, esso aveva lo scopo manifesto di spezzare le reni all’intero movimento sindacale. L’operazione ebbe successo. I sindacati britannici non si sono mai più ripresi da quella sconfitta. Inflitta loro dal governo a carissimo prezzo per l’intero Paese. Tra perdite di produzione, riduzione degli introiti fiscali e sussidi che si dovettero pagare per un lungo periodo, la vittoria della signora Thatcher costò al Regno Unito circa 36 miliardi di sterline di allora, più di tre punti di Pil.
La Carbosulcis è ben più piccola dell’industria mineraria britannica di quei tempi, ma il nodo di fondo rimane. Si tratta di decidere se il primo obbiettivo da conseguire è ridurre alla sottomissione i diretti interessati, e con essi il numero assai maggiore di lavoratori che sono costretti a dirsi “se non accetto tutto ciò che mi chiedono domani toccherà a me”, oppure di convenire che i lavoratori hanno delle buone ragioni per opporsi alla chiusura. Al tempo stesso si tratta pure di decidere se una differenza del rendimento economico rilevabile tra un sito produttivo locale e un sito analogo che risiede chissà dove, giustifica la decisione di togliere il lavoro a qualche centinaio o migliaio di persone. Differenza di rendimento comparato, si noti, non di produzione in perdita: è la stessa situazione dell’Alcoa. I lavoratori italiani hanno pagato e stanno pagando un prezzo durissimo alla crisi, di cui peraltro non portano alcuna responsabilità, anche se qualcuno ha il coraggio di dirgli che hanno vissuto al disopra dei loro mezzi. I quattro milioni effettivi di disoccupati, il miliardo di ore di cassa integrazione previste per il 2014, i quattro milioni di precari, dovrebbero essere uno scenario sufficiente per stabilire che nessuna impresa piccola o grande dovrebbe chiudere, licenziando, ma va guidata e sorretta affinché trovi il modo di far transitare i lavoratori ad altre occupazioni.
Regione e governo sono quindi dinanzi alla sfida di non smantellare un altro pezzo del tessuto produttivo, del sistema occupazionale e delle relazioni industriali in Italia, dopo il degrado che essi hanno subito negli ultimi anni e mesi. C’è di più. Nel quadro deprimente che appare disegnato non soltanto dalla crisi, ma anche dalle politiche che ogni giorno vengono prospettate per superarla, la modernità appare stare proprio dalla parte dei minatori sardi. Non chiedono di continuare a estrarre carbone. Chiedono di convertire la miniera in un contenitore di anidride carbonica, quella che avvelena i nostri cieli e le nostre città. Sarebbe un passo significativo verso un modello produttivo che non si proponga di tornare presto a produrre esattamente quel che si produceva prima, in quantità ancora maggiori – una ricetta sicura per accelerare il disastro non solo ambientale ma pure economico e sociale che ci attende. Al contrario rientra in una idea di produrre condizioni e servizi e ambienti che migliorino la qualità della vita. Saremmo sconfitti tutti noi, cioè l’intero Paese, se ancora una volta vincesse lo spirito conservatore e revanscista che contraddistinse il governo britannico un quarto di secolo addietro.

“IL LAVORO TRADITO. LA GUERRA DEI MINATORI” di LUCIANO GALLINO da La Repubblica del 28 agosto 2012

Annunci

Informazioni su QuintoStato

Giovanni Taurasi vive a Carpi (MO). Fa parte dell'Assemblea Nazionale del PD eletta l'8 dicembre 2013. Laureato in Storia contemporanea a Bologna, ha conseguito nel 2002 il dottorato di ricerca presso l’Università di Pavia e svolto attività di ricerca per l'Univerità di Modena e Reggio Emilia ed enti pubblici e privati. All’attivo ha una trentina di pubblicazioni, tra cui cinque volumi monografici sulla storia del '900, curatele di volumi, mostre, saggi e articoli su riviste di storia. Dipendente della Regione Emilia-Romagna.
Questa voce è stata pubblicata in / e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a “IL LAVORO TRADITO. LA GUERRA DEI MINATORI” di LUCIANO GALLINO da La Repubblica del 28 agosto 2012

  1. paolo ha detto:

    Ecco una lettura da consigliare , grazie al Prof. Gallino ,e la cosa più bella è che nessuno dei modernisti ,dei giornalisti,dei politici, dei sindacalisti ,dei padroni che non la pensano come lui possono permettersi di scacciare la lucida pesantezza degli argomenti e delle ragioni ,.(le stesse ragioni dei lavoratori che stanno dentro la miniera o fermano le navi traghetto) dandogli la patente dell’irriducibile dell’estrema sinistra ,
    Staranno zitti e faranno solo colore con riferimenti britannici , mentre qua si pensa alla tassa sulle bollicine ,e qualcuno scherza sul fatto che siccome ancora in tanti vanno in vacanza la crisi è fuori dal tunnel .si invertino i ruoli , vadano sotto in miniera tecnici ,politici padroni e portaborse vari e salgano al sole i minatori . Solidarietà e vicinanza con lavoratori sardi .

    Mi piace

  2. adriano ha detto:

    Non ho nessuna nostalgia per l’iron lady.
    Francamente non ho neppure troppa nostalgia di un sindacato troppo muscolare, ma questo passaggio merita qualche riflessione di più.
    Ho partecipato da metalmeccanico all’autunno caldo, non ho dimenticato i sogni che ci venivano ventilati nelle assemblee. Non ho dimenticato neppure la faccia di mio padre quando gli consegnai la busta del settembre 1969 (allora i soldi si davano ‘in casa’ dalle mie parti…).
    Quello che più mi brucia, però, è che a noi vennero dati diritti e qualche soldo. L’aumento fu subito fagocitato dall’inflazione. I diritti, lo statuto dei lavoratori, hanno subìto gli ultimi furibondi assalti da parte di sacconi (socialista, mamma mia….), validamente coadiuvato da bonanni e angeletti in questa opera meritoria. Mi sbaglio, o forse ho citato il nome di due segretari nazionali di sindacato confederale!
    Vado alla conclusione: occhio al potere contrattuale, ovvio! Ma occhio anche ai compagni di strada, di questi tempi ne vedo di sinistri (e non è una aggettivo di politica).

    Mi piace

I commenti sono chiusi.