“Sisma, il Senato sblocca 6 miliardi adesso la ricostruzione può partire” di CATERINA GIUSBERTI da La Repubblica Ed. Bologna del 29 luglio 2012

I fondi alla regione. Errani ringrazia: così risarciremo i danni a case e imprese

ARRIVANO sei miliardi di finanziamento per i cittadini che hanno case e imprese danneggiate dal terremoto. Dopo la fase transitoria dell’emergenza, inizia quella della ricostruzione. Venerdì notte in commissione a Palazzo Madama il via all’emendamento sul terremoto della
spending review.
Il commissario per la ricostruzione e presidente della Regione Emilia-Romagna Vasco Errani esulta: «L’approvazione di questo emendamento rappresenta un risultato di grande rilevanza, al quale abbiamo lavorato insieme alle istituzioni locali con grande determinazione in queste settimane». Per diventare legge l’emendamento dovrà ora passare in aula al Senato e alla Camera.
Questi sei miliardi si sommano ai 2,5 già stanziati dal governo per l’emergenza terremoto e ai 75 milioni in tre anni derivanti dai risparmi del Senato, che serviranno
alla ricostruzione dei beni culturali e delle scuole. I fondi per case e imprese saranno stanziati in tranche di 450mila euro alla volta, a partire dal gennaio 2013. L’obiettivo è quello di snellire le procedure e naturalmente anche di mettere a disposizione liquidità. Come anticipato ai sindaci martedì dallo stesso Errani, il meccanismo è molto semplice: chi deve ricostruire o ristrutturare una casa o impresa danneggiata avrà diritto
al rimborso dell’80%, compresa la messa a norma anti-sismica. La somma sarà interamente anticipata alle banche dalla Cassa Depositi e Prestiti. Chi deve ricostruire o ristrutturare dovrà solo aprire un conto corrente a tasso zero e dimostrare di aver subito danni e avrà dalla banca il denaro necessario per pagare i lavori ad ogni stato di avanzamento.
Sempre all’interno dell’emendamento approvato venerdì notte c’è la possibilità, per
i Comuni colpiti dal sisma, di assumere 170 persone con contratti flessibili, in deroga ai vincoli del patto di stabilità. «Tutti elementi positivi — commenta Errani — che possono accelerare la ricostruzione delle nostre abitazioni, delle nostre imprese, del patrimonio artistico e dei luoghi di culto, delle nostre comunità ». Inevitabile, la soddisfazione per il risultato politico incassato dal commissario, con il capogruppo dei democratici Marco Monari, che esprime «grande ringraziamento per l’assiduo lavoro del presidente Errani da parte di tutti i consiglieri del Pd dell’Emilia-Romagna e da me personalmente». «Un’eccezionale boccata di ossigeno», gli fa eco il segretario cittadino Raffaele Donini. Per il sindaco di Crevalcore, Claudio Broglia è un nuovo inizio: «Ora possiamo ripartire da zero, definire le regole della ricostruzione e dare certezza alla fase della ripresa».

“Sisma, il Senato sblocca 6 miliardi adesso la ricostruzione può partire” di CATERINA GIUSBERTI da La Repubblica Ed. Bologna del 29 luglio 2012

Annunci

Informazioni su QuintoStato

Giovanni Taurasi vive a Carpi (MO). Fa parte dell'Assemblea Nazionale del PD eletta l'8 dicembre 2013. Laureato in Storia contemporanea a Bologna, ha conseguito nel 2002 il dottorato di ricerca presso l’Università di Pavia e svolto attività di ricerca per l'Univerità di Modena e Reggio Emilia ed enti pubblici e privati. All’attivo ha una trentina di pubblicazioni, tra cui cinque volumi monografici sulla storia del '900, curatele di volumi, mostre, saggi e articoli su riviste di storia. Dipendente della Regione Emilia-Romagna.
Questa voce è stata pubblicata in / e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.