“LA VITA RIPARTE DA UNA CREPA NEL MURO” di Luca Gherardi* per il Post del lettore

Il Post del Lettore di Luca Gherardi*

Nei giorni scorsi al campo di accoglienza per i terremotati di Camposanto (Mo) si è svolta. Una festa organizzata per dare il benvenuto ad una famiglia di api che ha deciso di colonizzare la crepa nel muro perimetrale del cimitero, proprio a lato del campo. I bambini del centro estivo, tra cui molti ospiti del campo stesso, sono stati coinvolti in un’attività didattica finalizzata a mettere in luce le prerogative della meravigliosa comunità delle api, facendo riferimento alla famiglia, ed in particolare a quella che ha deciso di riprodursi proprio nelle macerie del terremoto, dando un segnale di forza e ricchezza. Dopo una lezione introduttiva, svolta nel tendone del parco, si è passati alla visita della famiglia d’api (opportunamente messa al riparo con delle transenne) per finire con una sonora scorpacciata di miele attinto “a ditate” direttamente dal melario. E’ stata proprio una mattinata singolare, che oltre ad aver mostrato qualcosa di unico ai bambini, ha messo al riparo la colonia proprio dai suoi potenziali molestatori, creando le condizioni favorevoli ad una convivenza serena e rispettosa delle virtu’ di un superorganismo dai connotati tutt’altro che mondani. A Davide Di Domenico Davide (Biologo Entomologo) a Maurizio
Ferraresi (Veterinario AUSL Modena) e a Cristiano Reggiani (Associazione Bolognese “Le Nostre Api”) va il ringraziamento del nostro Comune! con i loro gesti di solidarietà ci fanno sentire sempre meno soli e ci danno sempre più forza per continuare a lottare. Dalle crepe di oggi può e deve originarsi la società di domani, la nuova comunità che in seguito a questo sisma può trarre tanti insegnamenti, migliorarsi e immaginare un futuro più solidale e più condiviso. Questo è l’insegnamento che mi sento di trarre dall’attività con le api e i nostri bambini; questo è l’insegnamento più importante che dal terremoto dobbiamo tutti quanti trarre.

*Vicesindaco di Camposanto (MO)

About these ads

Informazioni su QuintoStato

Giovanni Taurasi vive a Carpi (MO). Laureato in Storia contemporanea a Bologna, ha conseguito nel 2002 il dottorato di ricerca presso l’Università di Pavia e svolto attività di ricerca. All’attivo ha una trentina di pubblicazioni, tra cui cinque volumi monografici sulla storia del '900, curatele di volumi, mostre, saggi e articoli su riviste di storia. Dipendente pubblico, è stato Consigliere comunale a Carpi dal 1995 al 2004 e di nuovo dal 2009. Attualmente è Presidente del Consiglio comunale di Carpi e Presidente dell'Assemblea e della Direzione provinciale del PD modenese. Fa parte dell'Assemblea Nazionale del PD eletta l'8 dicembre 2013.
Questa voce è stata pubblicata in / e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a “LA VITA RIPARTE DA UNA CREPA NEL MURO” di Luca Gherardi* per il Post del lettore

  1. adriano ha detto:

    Quando l’uomo pensa positivo è davvero una creatura “divina” anche per me che sono agnostico! Bravi emiliani: come dubitarne!

Inserisci un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...