Il miracolo della Madonna che ride (Mutatis Mutande di GT)

I lettori si saranno accorti che Quinto Stato dal 20 maggio è pienamente coinvolto dall’emergenza terremoto e sta tenendo alta l’attenzione, con numerosi post sul tema, su quanto è accaduto e sta accadendo in questo ‘gran bel pezzo dell’Emilia’, per citare il compianto Edmondo Berselli. La rubrica Mutatis Mutande riprende oggi la sua attività tradizionale, perché bisogna ricominciare a vivere e, nonostante tutto, anche a ridere delle nostre disgrazie umane.

Per quanto riguarda la politica italiana, in queste settimane si è capito che Daccò a Formigoni regalava pure le camicie. Almeno così si spiegherebbe il pessimo gusto del Celeste. A caval donato…
Per l’aria che tira, mi sa proprio che presto le bizzarre camicie indossate dal Presidente della Lombardia saranno tutte a strisce.

La ministra Fornero, che conta gli esodati probabilmente con lo stesso pallottoliere usato dalle Questure per le manifestazioni sindacali della CGIL, continua a brillare per le sue dichiarazioni acute. L’ultima è stata sul lavoro che non è un diritto… e riflettere prima di parlare evidentemente non è un dovere.

È ricomparsa anche una nostra vecchia – nonostante il lifting – conoscenza, il quale evidentemente punta sulla memoria corta degli italiani. Per fortuna però è così corta che tutti si sono chiesti: “Berlusconi chi?”.
Si è candidato per fare il ministro dell’economia. Si discuterà di tutto ciò in una cena del Pdl… sempre che si riesca a trovare un ristorante con qualche tavolo libero, perché, si sa, sono tutti pieni.

Lusi è stato arrestato grazie al voto dei parlamentari democratici, così almeno abbiamo evitato di risultare ColLusi.
Io continuo ad amare il mio partito perché ci sono Renzi e Fassina, e perché posso tranquillamente non stare con nessuno dei due, senza sentirmi solo!

La Lega ha celebrato il suo congresso con un battagliero Maroni. Sia chiaro che Maroni è vivo e lotta insieme a LORO!
Durante i lavori, Borghezio ha sostenuto che Balotelli è un padano con la pelle scura. Non saprei, ma ciò che mi preoccupa sono i Paduli dalla pelle chiara… come Borghezio!

Nel mezzo ci sono stati gli Europei di calcio. La partita con la Germania è stata la metafora della politica europea. Ha dimostrato che non è il ‘rigore’ della Germania che può fermarci in Europa, anche quando Buffon non riesce a pararlo.
Alla fine della partita, parafrasando JF Kennedy di fronte al muro di Berlino, ho esclamato: Ich bin ein Balotelli!
Poi purtroppo la finale con l’invincibile Spagna è andata male, ma speriamo ancora in un intervento di Moody’s o Standard & Poor’s che annulli il rating di 4-0 e ci riconsegni la vittoria.

Viviamo momenti sempre più bui. Piangono Fornero, Bossi, Balotelli. Piangono tutti. E, maledetto terremoto, è capitato pure a me. Una volta piangevano solo le Madonne. Ecco, di questi tempi, il vero miracolo sarebbe vedere finalmente una Madonna che ride!

GT

Annunci

Informazioni su QuintoStato

Corro, leggo, scrivo, racconto. Negli anni ho svolto un percorso che ha intrecciato attività politica, professionale, didattica e di ricerca. Laureato nel 1997 in Storia contemporanea a Bologna, ho conseguito successivamente il dottorato in Storia Costituzionale e Amministrativa presso l’ateneo di Pavia e svolto attività di ricerca per l’Università di Modena e Reggio Emilia. Ho pubblicato cinque monografie, curato volumi, mostre e allestimenti museali sulla storia del Novecento e pubblicato una ventina di saggi e articoli su riviste scientifiche e annali di storia contemporanea. Sono autore di spettacoli teatrali e history telling. Sono dipendente della Regione Emilia-Romagna.
Questa voce è stata pubblicata in / e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.