Archivi tag: STEFANO LEPRI

“La scommessa è guadagnare un po’ di tempo” di Stefano Lepri da La Stampa del 27.6.2013

I provvedimenti di ieri sui giovani e sul lavoro sono un esempio, modesto, di che cosa un governo può fare di buono nella situazione attuale. Il rinvio dell’aumento Iva, all’opposto, è un esempio assai significativo di come non si deve … Continua a leggere

Pubblicato in / | Contrassegnato ,

“Una politica per creare lavoro” di Stefano Lepri da La Stampa del 21 gennaio 2013

Per limitare il numero di licenziamenti, per creare duraturi posti di lavoro, servirebbe proprio quello che nelle casse dello Stato italiano manca: un sacco di soldi. Nemmeno ci sono distanze enormi, tra le ricette che i partiti propongono in campagna … Continua a leggere

Pubblicato in / | Contrassegnato ,

“Un pericoloso corto circuito” di Stefano Lepri da La Stampa del 10 novembre 2012

L’Europa piacerà sempre meno a quelli che dovrebbero essere i suoi cittadini, se continuerà a funzionare in modo tanto contorto. Forse il no ai fondi per l’Emilia terremotata era soltanto una mossa tattica all’interno di un arcano mercanteggiamento.

Pubblicato in / | Contrassegnato , | 1 commento

“La solidarietà che serve all’Italia” di STEFANO LEPRI da La Stampa del 21 settembre 2012

Risanare l’Italia sarà un lavoro lungo, e il mondo non ci aiuta. Le nuove previsioni economiche approvate ieri dal governo sono onestamente cupe, una scelta di verità. Confermano che l’uscita dalla recessione è lontana; i primi segni di recupero li … Continua a leggere

Pubblicato in / | Contrassegnato , , | 1 commento

“Le ambizioni vanno realizzate” di STEFANO LEPRI da La Stampa del 25 agosto 2012

La canicola prosegue ma stiamo già cominciando a capire come sarà l’autunno. Sempre più i partiti reclameranno che solo un ritorno alla politica può ridare prospettiva al Paese; ognuno a suo modo chiederà di mettere più soldi nelle tasche della … Continua a leggere

Pubblicato in / | Contrassegnato , | 2 commenti

“Ma i sacrifici non sono stati inutili” di STEFANO LEPRI da La Stampa del 25 luglio 2012

Guardando solo un numero, quello spread tra titoli di Stato italiani e tedeschi che ormai tutti conoscono, siamo tornati ai livelli che fecero cadere il governo Berlusconi, nel novembre 2011. Inutili allora tutti i sacrifici che il governo Monti ci … Continua a leggere

Pubblicato in / | Contrassegnato , ,

“I tedeschi nella trappola” di STEFANO LEPRI da La Stampa del 23 luglio 2012

Invece di prendersela con i tedeschi, bisognerebbe paradossalmente – compatirli. I mercati finanziari li stanno attirando in una trappola. Più insistono che non saranno loro a pagare il conto per i Paesi deboli dell’euro, e più rischiano di andarsi a … Continua a leggere

Pubblicato in / | Contrassegnato ,

“Serve una prova di coraggio” di STEFANO LEPRI da La Stampa del 25 giugno 2012

Il guaio è che se gli altri non riusciranno a prendere decisioni efficaci, i cocci li dovrà rimettere insieme lui, subito dopo. Sulle spalle di Mario Draghi si ammassano compiti sempre più pesanti, il rischio di scontare anche gli errori … Continua a leggere

Pubblicato in / | Contrassegnato ,

“Più poveri di 20 anni fa” di STEFANO LEPRI da La Stampa del 23 maggio 2012

Siamo più poveri di vent’anni fa: in media, il 4% di potere d’acquisto in meno per persona. I dati dell’Istat ieri non ci dicono soltanto che la grande crisi in corso dal 2007 ha colpito duramente l’Italia.

Pubblicato in / | Contrassegnato ,

“Non basta, lo Spread deve calare ancora”, di STEFANO LEPRI da La Stampa del 30 gennaio 2012

Il vertice europeo di oggi si impegnerà a mostrare che si fa qualcosa anche per la crescita economica. I fondi a favore dell’Italia sono una buona notizia.

Pubblicato in / | Contrassegnato ,

“Per crescere è vietato arroccarsi” di STEFANO LEPRI da La Stampa del 21 dicembre 2011

Si litighi pure, sulla riforma del mercato del lavoro; ma senza fabbricarsi bersagli di comodo. Ciascuna parte in causa deve spiegare che cosa propone di fare e perché. L’economia italiana soffre di una malattia grave, la produttività che non cresce: … Continua a leggere

Pubblicato in / | Contrassegnato , , ,

“L’indirizzo sbagliato delle proteste”, di STEFANO LEPRI da La Stampa del 18 novembre 2011

Governo delle banche e dei banchieri, governo dei poteri forti, governo dei padroni: il paradosso della giornata di ieri è di aver ascoltato, contro il governo Monti, epiteti quasi identici dagli studenti di estrema sinistra nelle piazze e dai dirigenti … Continua a leggere

| Contrassegnato , ,

“I tecnici contro la paralisi” di STEFANO LEPRI da La Stampa del 15 novembre 2011

Quando si forma un governo di tecnici si può coltivare l’illusione che finalmente siano i «migliori» a guidarci, o al contrario deprecare l’arrivo al potere di «non eletti». Meglio, in questi casi, diffidare delle retoriche.

| Contrassegnato ,

Draghi, il pragmatico ha convinto i tedeschi (STEFANO LEPRI)

di STEFANO LEPRI da La Stampa del 4 novembre 2011 Bel colpo per Mario Draghi: debuttare con una decisione rapida e coraggiosa, ottenendo l’appoggio unanime del consiglio Bce, tedeschi compresi. A suggerire un calo dei tassi nell’area euro erano il … Continua a leggere

| Contrassegnato ,

Sovranità ridotta per salvarsi (STEFANO LEPRI)

di STEFANO LEPRI da La Stampa del 24 ottobre 2011 Ora sì che siamo sotto tutela. I Trattati europei non prevedono nessun «commissariamento» del governo di un Paese membro, ma ciò che è avvenuto ieri è quanto più si può … Continua a leggere

| Contrassegnato , ,

Perché nulla cambi in peggio (STEFANO LEPRI)

di STEFANO LEPRI da La Stampa del 21 ottobre 2011 Pareva impossibile, eppure è finita bene. Una storia fatta di esitazioni e di veti, di ricatti e di maneggi sulla nomina del successore di Mario Draghi passato alla Bce.

| Contrassegnato , ,

Il Paese che spreca giovani e donne (STEFANO LEPRI)

di STEFANO LEPRI da La Stampa del 6 ottobre 2011 Laureati che emigrano all’estero, lunghi anni di precariato, gli immigrati sfruttati e la zavorra della malavita. Ecco la radiografia di un’ economia malata che non cresce perché non aumenta la … Continua a leggere

| Contrassegnato ,