“Dacci oggi il nostro quotidiano” di Giuliano Albarani da Settimanale Voce del 25 novembre 2012

E’ domenica. La lettura dei giornali merita un po’ più di tempo. Torno a casa dall’edicola con la “mazzetta”, che fa tanto persona ideologicamente duttile e professionalmente impegnata. Inizio a sfogliare, con trascuratezza. Da qualche mese a questa parte mi sono accorto di essere diventato un grande consumatore di titoli e sommari, pochi gli articoli letti integralmente, e non me ne vanto. E’ che molto, a volte tutto, ha il sapore del deja vu.
Provo a prestare più attenzione, ma non è semplice: le prime pagine dei quotidiani di oggi si assomigliano abbastanza. La ricetta è quella, cambiano i dosaggi. Chi mette più cronaca, chi esagera con la politica interna, ma i risultati non sono poi così distanti. C’è il governo Monti, con il rilancio del disegno di legge sulla corruzione. In piazza gli ha fatto il controcanto la Cgil, denunciando le ricadute recessive del rigore tecnocratico. Ci sono le primarie del Pd, Renzi attacca, gli altri si difendono, abbozzando tutt’al più qualche contropiede. Non mancano i morti ammazzati assurdamente, chi per mano della camorra, chi per opera di folli in preda alla gelosia.
Sfoglio verso l’interno, dopo le note dal e sul governo ci sono un paio di paginoni sulle storiacce della nuova Tangentopoli, anche la Chiesa, beata lei, adesso si lamenta del mercimonio di cariche pubbliche. Qualche articolo più in là incappo nell’ormai canonico dossier sulle conseguenze stimate della manovra economica (cosiddetta “legge di stabilità”) in predicato di approvazione: si fanno i conti in tasca – sempre più vuota – agli italiani, ogni lettore può vedere, fascia di reddito alla mano, quanto gli costeranno le nuove regole sulle detrazioni et similia, cittadino che vince (pochi), cittadino che ci perde (la maggioranza).
Mi dico, quasi borbottando, che le prime quindici, venti pagine dei quotidiani italiani sono diventate ormai una specie di promemoria, non informazione nel senso classico del termine, ma un ripasso, giorno dopo giorno, sulle magagne immobili del nostro piuttosto disgraziato paese. Tutto sempre uguale, tocca guardare con attenzione il giorno di uscita della foliazione sennò non cogli differenze, mi è già capitato di compulsare un “Corriere della Sera” o una “Repubblica” dell’avantieri senza accorgermene prima di arrivare alle pagine sportive.
Certo, è colpa della pigrizia dei giornalisti, e di alcune leggi apparentemente contraddittorie dell’informazione pubblica: i lettori comprano i giornali, consapevolmente, per avere notizie, cioè, propriamente, informazioni che non posseggono già, ma poi sono tutti – me compreso – bambini sulla soglia della buonanotte, che inconsciamente amano il racconto ripetuto, al massimo con piccole varianti, sui personaggi o i caratteri che padroneggiano (appunto, Monti-Camusso, Bersani-Renzi, Berlusconi-Boccassini, e poi i politici corrotti, i mafiosi violenti, gli evasori strafottenti…).
Anche le pagine degli Esteri non si discostano da questo clichè: in Medio oriente si tirano bombe, in Iran si lavora al nucleare, in Cina si zittiscono le voci contro, Obama e Romney provano a strapparsi lacerti di consenso in vista del roundi finale di novembre. In pochi minuti, dopo aver compiuto il periplo della penisola, ho circumnavigato il mondo, senza sussulti e reali avanzamenti sul piano della conoscenza e della consapevolezza, bene che vada si è trattato di un ripasso o della dimostrazione empirica di cose già note per via deduttiva.
Pian piano, addentrandomi nel corpo del giornale, sento però che il livello di dopamina sale: trovo interviste non banali con musicisti e scrittori, approfondimenti su rilevanti ricorrenze storiche, le agognate pagine calcistiche. D’altra parte persino le previsioni del tempo e la presentazione dei palinsesti televisivi appaiono emozionanti rispetto alla routine delle sedicenti notizie del giorno (in verità la declinazione su quel giorno delle notizie di sempre, immobili e invarianti).
Già da tempo, in riferimento alla crisi di utilità e di vendite delle testate quotidiane, incalzate, senza nessuna possibilità di vittoria, dalla tv, dal web e dai social network, si parla di una tendenza alla “settimanalizzazione”, cioè al sovradimensionamento di quelle sezioni e di quegli apparati – le inchieste, gli approfondimenti, le rubriche – che dovrebbero più e meglio caratterizzare i periodici. E, di rimando, qualcuno, abbastanza spiritoso, ha evocato la mensilizzazione dei settimanali, dalla quale dovrebbe derivare, a rigor di logica, la semestralizzazione dei mensili, e così via, all’infinito.
Al di là delle diatribe mass-mediologiche, la verità, triste, è però una: vuoi a causa di un mondo gattopardesco, in cui tutto cambia per rimanere com’è, vuoi per amore del quieto vivere e lavorare da parte di un’abbondante maggioranza degli operatori della carta stampata, la lettura del quotidiano nazionale, oggi, in Italia, è davvero, hegelianamente, preghiera mattutina dell’uomo laico. Come ogni supplica tende infatti a ripetersi uguale a se stessa e soprattutto richiede, per la sua esecuzione, un’abbondante e solida dose di fede nel domani.

“Dacci oggi il nostro quotidiano” di Giuliano Albarani da Settimanale Voce del 25 novembre 2012

About these ads

Informazioni su QuintoStato

Giovanni Taurasi vive a Carpi (MO). Presidente dell'Assemblea e della Direzione provinciale del PD modenese. Fa parte dell'Assemblea Nazionale del PD eletta l'8 dicembre 2013. Laureato in Storia contemporanea a Bologna, ha conseguito nel 2002 il dottorato di ricerca presso l’Università di Pavia e svolto attività di ricerca per l'Univerità di Modena e Reggio Emilia ed enti pubblici e privati. All’attivo ha una trentina di pubblicazioni, tra cui cinque volumi monografici sulla storia del '900, curatele di volumi, mostre, saggi e articoli su riviste di storia. Dipendente pubblico, è stato Consigliere comunale a Carpi dal 1995 al 2004 e di nuovo dal 2009 al 2014, ricoprendo la carica di Presidente del Consiglio comunale.
Questa voce è stata pubblicata in / e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a “Dacci oggi il nostro quotidiano” di Giuliano Albarani da Settimanale Voce del 25 novembre 2012

  1. stefano ha detto:

    L’articolo , bello, non vale tanto nei particolari che descrive e riporta ( per la maggio parte condivisibili ma con inevitabili distinguo personali ) quanto nell”evocazione”. L’acquisto del quotidiano come “rito” laico. Suggestivo. E vero.

I commenti sono chiusi.